Gran Premio Abu Dhabi

Grosjean sulla situazione Lotus: “Lo Staff non merita tutto questo, domenica daremo il massimo”

Con l’ultimo appuntamento del calendario, lo sfortunato team Lotus sperava di poter trascorrere un weekend relativamente tranquillo; invece, i guai inseguono gli uomini di Enstone anche nel deserto.

Il carico, infatti, è arrivato negli Emirati solo martedì mattina, costringendo i meccanici a lavorare giorno e notte per essere pronti in tempo per le prove libere.
Ovviamente non è la prima volta che la Lotus si trova a far fronte ad una situazione del genere durante la sua travagliata stagione; in Ungheria ad arrivare in ritardo erano state le gomme, in Belgio la vettura era stata sottoposta addirittura a sequestro e in Giappone il team non aveva avuto accesso al motorhome.

Ad esprimersi sulla situazione di questi giorni è stato Romain Grosjean:

E’ qualcosa che abbiamo sperimentato già in passato– ha spiegato il pilota- e in tutte le altre occasioni siamo riusciti a prepararci per scendere in tempo in pista. Se la vettura è pronta per le Libere 2 sono felice e cercheremo di metterci una pietra sopra.”.

Poi ha continuato riferendosi al lavoro dei meccanici:

Si tratta di un duro lavoro per tutti i ragazzi e non lo meritano. Stando dando il massimo ed è per questo che faremo di tutto per arrivare nella zona punti”.

Quello di Abu Dhabi di fatto sarà l’ultimo GP sul sedile della Lotus per Grosjean, dato il passaggio al neo team Haas nel 2016.

E’ la prima volta che cambio team nella mia carriera. Ho messo piede ad Enstone nel 2005, tutto quello che so lo devo alla Lotus. Ha detto il francese.

Pensare che questo sarà l’ultimo GP con i ragazzi è dura, ma è per questo che voglio andare fino in fondo e ottenere un buon risultato”. Ha aggiunto.

Infine Romain ha terminato ringraziando il suo team per gli anni trascorsi insieme:

Abbiamo attraversato bei momenti ma anche brutti e abbiamo imparato da entrambi. E’ stata una bellissima esperienza, ma allo stesso tempo non vedo l’ora di iniziarne una nuova con Haas.”

Anna Polimeni

Mi chiamo Anna, ho 19 anni e vengo da Torino. La F1? la mia passione, il mio mito? Ayrton Senna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio