DichiarazioniFormula 1Gran Premio Ungheria

GP Ungheria, Alonso: “Il lavoro di squadra ha pagato”

Un duello con Hamilton al cardiopalma che ha regalato emozioni e che ha consentito a Ocon di vincere la gara. L’asturiano è stato decretato anche Driver of the Day

Alonso nel GP d’Ungheria si è reso protagonista di un ottimo lavoro di squadra, che ha consegnato la vittoria al suo compagno di squadra

Lo spagnolo ha riconosciuto che se fosse arrivato ​​all’interno della prima curva avrebbe potuto avere la possibilità di vincere la gara. Alla fine, si è dovuto accontentare di un quinto posto, seppur si è reso protagonista di un ottimo lavoro di squadra, che l’ha fatto anche decretare Driver of the Day. Ogni giro che Alonso ha tenuto dietro Hamilton è stato fondamentale per la vittoria del GP d’Ungheria di Ocon. L’asturiano consiglia a lui e ad Alpine di godersi ogni secondo di questo successo.

 

Alonso non ha avuto fortuna alla partenza, perché si è trovato nel caos generato da Valtteri Bottas e Lance Stroll. Nei primi giri lo spagnolo è rimasto bloccato nel trenino guidato da Nicholas Latifi, ma una volta passate tutte le vetture davanti ha spremuto al massimo le mescole guadagnando due posizioni. L’asturiano è stato l’ultimo pilota in griglia a fermarsi e questo gli ha consentito di avere pneumatici più nuovi, rispetto alle altre tre vetture davanti. 

“Sono stato molto sfortunato alla partenza, perché potevo essere nella posizione di Esteban o Sebastian. Andare all’esterno non mi ha aiutato, ho perso molte posizioni e questo ha determinato l’esito della corsa. La quinta posizione è il miglior risultato dell’anno per me. La prima vittoria del team è stata inaspettata. Esteban non la dimenticherà mai, perciò è giusto che si diverta e assapori ogni secondo”, ha dichiarato Alonso al termine del GP d’Ungheria davanti ai microfoni di Dazn F1.

RUOLO DETERMINANTE NELLA VITTORIA DI OCON

Alonso ha avuto un ruolo chiave nella vittoria del GP d’Ungheria di Ocon, poiché è riuscito a ostacolare Hamilton nella fase finale battagliando per dieci giri. Ciò ha consentito al suo compagno di squadra di ottenere quella che è stata la sua prima vittoria in Formula 1. Per quanto riguarda la battaglia, lo spagnolo riconosce che tener dietro il britannico fino alla fine della gara era una mission impossible. Era consapevole però che, ogni giro in cui riusciva a trattenerlo era fondamentale per gli interessi del team.

 

Alonso ha svolto perciò un ottimo lavoro di squadra nel GP d’Ungheria, tenendo Hamilton dietro con le gomme medie per dieci giri. Un duello epico al cardiopalma che ha rispolverato antiche rivalità. “Hamilton era due secondi e mezzo più veloce al giro, ma ha commesso gli stessi errori nelle ultime curve. Sapevo che non sarei stato in grado di tenerlo dietro fino alla fine della gara, ma ogni giro che ha svolto dietro di me era oro per il team. Il lavoro di squadra ha pagato, perché ha portato la vittoria alla squadra”, ha così concluso lo spagnolo.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.