Formula 1Gran Premio Portogallo

GP Portogallo, da 50.000 a zero spettatori?

Gli aumenti dei contagi da Covid-19 hanno messo a rischio la presenza del pubblico a per il weekend di Formula 1

La presenza di spettatori a Portimao potrebbe essere annullata dall’impennata di contagi registrata in Portogallo. Stessa sorte a Imola?

 

Il GP del Portogallo avrebbe dovuto ospitare il secondo maggior numero di tifosi della stagione, ovvero 50.000 spettatori. Tuttavia l’aumento di contagi di Coronavirus nel Paese iberico potrebbe cambiare le cose. Gli inglesi di Speedweek.com hanno rivelato che l’aumento dei casi sta costringendo il governo portoghese, guidato dal primo ministro António Costa a chiedere la calamità nazionale in modo che le restrizioni al traffico e altre misure drastiche possano essere applicate se necessario.

Sebbene le misure adottate dalla Formula 1 per contrastare le contaminazioni sembrano funzionare bene, con solo pochi contagi, è dubbio che basti per convincere il governo portoghese. Il Gran Premio non è l’unico evento motoristico messo in discussione dal Covid. Anche l’ultima tappa del Campionato del Mondo Superbike a Estoril, in programma questo fine settimana, è interessata alla questione.

ANCHE PER MOTOGP E SUPERBIKE C’E’ IL DILEMMA TIFOSI

 

Stesso discorso anche per l’ultima gara del Campionato di MotoGp in programma a Portimao il 22 dicembre. Anche la MotoGp dovrà fare i conti con l’aumento dei contagi. Ad oggi, il direttore dell’Autódromo do Algarve, Paulo Pinheiro, conta sull’approvazione di 50.000 spettatori sia per la Formula 1 che per la MotoGP, ma le autorità sanitarie potrebbero opporsi a questi piani.

Aspettando novità, va segnalato che a Istanbul dove erano previsti oltre 75000 spettatori, hanno già deciso che invece di tifosi non ce ne sarà nemmeno uno, proprio a causa dell’aumento dei positivi in Turchia. Non è escluso che anche Imola possa serrare i ranghi, diminuendo i posti disponibili.

Pubblicità

Gabriele Gramigna

Mi chiamo Gabriele, sono un ragazzo molisano e studio chimica all'università di Padova. Dal 2018 scrivo per F1World, cercando di trasmettere la mia passione per la Formula 1 in tutti i miei articoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button