Formula 1Gran Premio Messico

GP Messico, l’ordine d’arrivo che rompe un record

La classifica finale della gara corsa all’Autodromo Hermanos Rodriguez

Un’ordine d’arrivo da record quello del Gran Premio del Messico

Alla sua quattordicesima vittoria in carriera, Max Verstappen è il pilota più vincente nella storia della Formula 1 in una singola stagione. Impressionante il passo di oggi, che lo ha visto in testa all’ordine d’arrivo del GP del Messico, con un distacco da Hamilton di 15 secondi. Sfila via quindi per il sette volte Campione del Mondo, almeno per adesso, il desiderio di portare a casa almeno una vittoria anche per questa stagione. Infranto anche il sogno di Sergio Perez di salire sul gradino più alto del podio nel suo paese: potrà riprovarci il prossimo anno.


Il super favorito di questo weekend, George Russell, taglia il traguardo lontano dal podio. Le due Ferrari, invece, corrono una gara totalmente in solitaria, troppo veloci per il gruppo di metà griglia ma troppo lente per raggiungere le prime posizioni della classifica. Ecco dunque l’ordine d’arrivo completo del GP del Messico.

GP MESSICO: LA CLASSIFICA FINALE

  1. Max Verstappen (Red Bull Racing)
  2. Lewis Hamilton (Mercedes)
  3. Sergio Perez (Red Bull Racing)
  4. George Russell (Mercedes)
  5. Carlos Sainz (Ferrari)
  6. Charles Leclerc (Ferrari)
  7. Daniel Ricciardo (McLaren)
  8. Esteban Ocon (Alpine)
  9. Lando Norris (McLaren)
  10. Valtteri Bottas (Alfa Romeo)
  11. Pierre Gasly (AlphaTauri)
  12. Alexander Albon (Williams)
  13. Zhou Guanyu (Alfa Romeo)
  14. Sebastian Vettel (Aston Martin)
  15. Lance Stroll (Aston Martin)
  16. Mick Schumacher (Haas)
  17. Kevin Magnussen (Haas)
  18. Nicholas Latifi (Williams)
    DNF: Fernando Alonso (Alpine)
    DNF: Yuki Tsunoda (AlphaTauri)

Alessia Verde

Di Napoli, classe 2002. Studentessa di Lettere Classiche all'Università Federico II. Innamorata follemente della Rossa. Con la Formula 1 è stato amore a prima vista, e nulla riesce a emozionarmi come fa lei. Ma ciò che mi emoziona di più è potervela raccontare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio