2018Dichiarazioni dei PilotiFormula 1Gran Premio Giappone

Formula 1 | Verstappen: “Vettel? Anche i veterani sbagliano sotto pressione”

Max Verstappen, malgrado una penalità di 5 secondi e due contatti con entrambi i piloti Ferrari, ha chiuso il GP Giappone in terza posizione

Topics

Max Verstappen termina il GP del Giappone sul gradino più basso del podio, attenendosi al risultato della qualifica di ieri. L’olandese della Red Bull, tuttavia, per mantenere tale posizione ha dovuto lottare con le unghie e con i denti contro qualche incontro ravvicinato di troppo con i due Ferrari e soprattutto a seguito della penalità dopo l’episodio con Raikkonen.

“Dopo la penalità e l’incidente con Seb -commenta Verstappen sono felice di salire ancora una volta sul podio in Giappone. La macchina è andata molto bene e siamo stati in grado di lottare davanti per tutta la gara, cosa che in questa pista ci regala un feeling ancora migliore.”

Il 21enne non è del tutto convinto di aver meritato la penalità di 5 secondi assegnatagli per aver tagliato la curva e aver centrato la fiancata della Ferrari di Raikkonen. “Mi è dispiaciuto aver ricevuto una penalità per la mia difesa contro Kimi. Stavo solo cercando di tornare in pista il più velocemente possibile invece di tagliare la curva, forse la prossima volta andrò a tagliare la pista.”

Il fattore pressione non è nuovo a Sebastian Vettel quest’anno, ma a Verstappen piace giocarci. La foga del tedesco nel prendere l’interno è stata dettata dall’impazienza, dato che avrebbe potuto aspettare il momento propizio per portare a termine il sorpasso. In quel momento Verstappen aveva già ricevuto la penalità, ma nella mente di Vettel esisteva solo un comando: prendere il rischio. E Verstappen dichiara: “L’incidente con Sebastian è stato molto simile al mio in Cina quest’anno. Avrebbe potuto passarmi più facilmente se avesse aspettato. Questo dimostra che anche i piloti d’esperienza possono sbagliare sotto pressione.”

Nella fase conclusiva della gara, Bottas era in grande difficoltà con le gomme, aprendo quindi un’opportunità a Verstappen, che tuttavia non è arrivata. “Sulla base di una serie di errori che ha commesso, sembra che Bottas abbia spinto molto nel corso degli ultimi giri. E’ difficile seguire una macchina da vicino, quindi mi sono limitato a fare del mio meglio, sperando in un suo errore e assicurandomi di essere nelle condizioni di approfittarne.”

Ora Verstappen è salito a quota 173 punti, in quinta posizione, di ben 27 punti più avanti rispetto a Ricciardo. Dato il buon rendimento della Red Bull, non può essere che desideroso di correre il prossimo gran premio: “Non vedo l’ora di andare ad Austin, abbiamo un ottimo passo ed è anche un bel posto da visitare!”

Topics
Pubblicità

Beatrice Zamuner

Mi chiamo Beatrice, ho 20 anni e faccio parte di F1World da 4 anni. Ho frequentato il Liceo Classico Franchetti a Mestre e ora studio lingue a Ca Foscari. Da un anno scrivo anche in inglese e attualmente scrivo e realizzo video per MotorLAT. L’interesse per la F1 è nato dalle vittorie di un giovane ma carismatico Fernando Alonso. Da grande vorrei diventare giornalista sportiva, perché ritengo che unire passione e professione sia la cosa migliore che un individuo possa attuare in tutta la propria vita.

Altri articoli interessanti