Formula 1Gran Premio Emilia Romagna

GP Emilia Romagna: l’ordine d’arrivo definitivo

Sul circuito di Imola è stato super Max Verstappen a salire sul gradino più alto del podio, davanti a Hamilton e a uno spettacolare Lando Norris

Una gara pazza, una classifica che modificata secondo dopo secondo, ma a spuntarla alla fine è stato super Max

Max Verstappen la voleva questa vittoria. E se l’è portata a casa. L’ordine d’arrivo del GP dell’Emilia Romagna lo ha visto finalmente trionfare sull’ormai rivale diretto, Lewis Hamilton. Ma a rendere questa gara spettacolare è stato Lando Norris che, con la sua terza posizione, si è ripreso quanto gli è stato tolto durante le qualifiche del sabato.

Gli ingredienti perfetti sul circuito di Imola, hanno permesso di costruire un Gran Premio fenomenale. Pioggia e Safety Car hanno fatto il resto. La partenza ha portato subito grande tensione in pista, con un Verstappen super aggressivo, determinato a prendersi la posizione su Hamilton. Il pilota britannico, nonostante l’errore (quanto avranno influito il nervosismo e la voglia di rimonta?), è riuscito a scalare la classifica, piazzandosi in seconda posizione.

Driver of the day, però, super Lando Norris. Già durante la qualifica di ieri il pilota della McLaren aveva dato prova di grand forza di volontà, oltre che di essere al volante di una monoposto competitiva, che poteva davvero puntare in alto. I track limits lo hanno però ingannato: un elemento che, forse, dopo la demoralizzazione iniziale, lo hanno portato a dare il massimo, portando al limite la sua vettura (Norris ha concluso gli ultimi giri del GP dell’Emilia Romagna con una ginocchiera sotto la frizione, se non è determinazione questa…).

COLPI DI SCENA E DELUSIONI

Dietro ai tre protagonisti di giornata, incredibilmente le due Rosse. Charles Leclerc, che ha chiuso in quarta posizione, ha cercato di infilare più volte Norris, non riuscendo però a soffiargli l’ultimo gradino del podio. Dietro di lui, Carlos Sainz: lo spagnolo ha mantenuto la promessa fatta in Bahrain, dove aveva dichiarato di aver utilizzato il Sakhir come prova per prendere le misure della monoposto.

Sesta posizione per la McLaren di Daniel Ricciardo. L’australiano ha chiuso a +51.220 dal leader della corsa, non riuscendo a trovare lo stesso ritmo dimostrato invece dal compagno di squadra. Settima piazza per l’AlphaTauri di Pierre Gasly, non particolarmente in forma.

A chiudere la top ten: Lance Stroll, penalizzato di 5 secondi e scivolato quindi in ottava posizione; Kimi Raikkonen, ancora under investigation per non aver rispettato la procedura di ripartenza; ed Esteban Ocon. Il compagno di squadra Fernando Alonso, invece, ha terminato la sua gara in undicesima piazza. Lo spagnolo, tra l’altro, è stato protagonista di un impatto contro la barriera durante il primissimo giro di formazione, mentre le vetture erano in pista per saggiarne le condizioni. 

ndr, Kimi Raikkonen ha subito una penalità di 30 secondi, scivolando quindi fuori dalla zona punti e lasciando la top ten a Fernando Alonso.

Niente zona punti per Sergio Perez, autore di una gara spettacolare nonostante uno stop and go di 10 secondi, rovinata purtroppo con una sbavatura nel finale. Il messicano si è quindi dovuto accontentare della dodicesima posizione. Tredicesima piazza per Yuki Tsunoda, subito davanti ad Antonio Giovinazzi: la gara dell’italiano è stata influenzata da un piccolo problema ai freni, che lo ha costretto a un rapido pit stop aggiuntivo. Fanalino di coda, invece, per le due Haas.

INCIDENTI E NERVOSISMO CONDISCONO GP DELL’EMILIA ROMAGNA

Al termina di una gara letteralmente assurda, sono stati tre i piloti a essere identificati come “out”. Primo su tutti, Nicholas Latifi. Il pilota canadese ha dovuto abbandonare la propria Williams a bordo pista, dopo un impatto violento contro le barriere di protezione. La causa scatenante sembra essere stata un contatto con Mazepin: in ogni caso, Latifi ha chiuso la sua gara a un solo giro dallo spegnersi dei semafori.

Altri due protagonisti sonno stati Valtteri Bottas e George Russell. Le dinamiche dell’incidente non sono ancora chiare, ma i due sono stati protagonisti di un violento incidente: la Mercedes e la Williams sono prima andate al contatto, per poi impattare contro le barriere. Fortunatamente per entrambi i piloti non ci sono state gravi conseguenze, anche se il nervosismo è stato subito palpabile, e si è concretizzato con una pacca sul casco di Bottas da parte di Russell e, in risposta, un dito medio di risposta da parte del finlandese.

 

Questo, infine, l’ordine d’arrivo del GP dell’Emilia Romagna:

GP Emilia Romagna ordine arrivo
Credits: Twitter Formula 1

Anna Vialetto

Anna è sinonimo di determinazione, concentrazione e curiosità. Ho sempre studiato e lavorato per rincorrere e realizzare i miei sogni, con l'obiettivo di concretizzarli in quella che è la mia più grande passione: l'automotive. La Formula 1 per me è parte integrante della mia personalità: il rombo dei motori, i sorpassi all’ultimo centimetro, la velocità delle monoposto. Ma soprattutto, tutto il mondo che sta dietro allo spettacolo in pista: l'organizzazione, la comunicazione, il marketing, l'energia...la stessa che, fin da quand'ero bambina, mi ha portata a coltivare questo grande amore.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.