Formula 1Gran Premio Canada

GP Canada, FP1: domina Verstappen, Leclerc non cambia il turbo

Al via il nono appuntamento di questa stagione con la prima sessione di prove libere di nuovo in Canada dal 2019

Il Circus torna in Canada dopo 2 anni. A dominare è Max Verstappen, ma l’attenzione è sul turbo di Charles Leclerc

Dopo due lunghi anni di assenza dovuti alla pandemia, Montreal torna finalmente ad ospitare il Circus. Era il 2019 quando la Formula 1 ha corso l’ultima volta in Canada e da allora lo sport ha cambiato faccia, con nuovi piloti, nuovi campioni e un nuovo regolamento.

Non si fermano le discussioni sul porpoising e sul turbo di Leclerc

Continua la discussione sul porpoising: Hamilton sfoggia un fondo nuovo nel tentativo di debellare finalmente il problema. In più, tutte le vetture hanno dei sensori montati dalla FIA per verificare i saltellamenti e valutare un’eventuale modifica del regolamento.

Arriva anche la notizia che Leclerc sta ancora usando un vecchio turbo, perciò, al momento, il monegasco non avrà alcuna penalità in griglia, che scatterà qualora il team decidesse di montarne uno nuovo. Le discussioni in merito, però, continuano per tutta la sessione e ancora niente sembra sicuro.

Tra qualche contrattempo sono sempre le Red Bull e le Ferrari a prendersi la scena

Al via delle FP1 in Canada, le monoposto escono dai box montando tutte le gomme medie, fatta eccezione per Charles Leclerc e Yuki Tsunoda, che optano per la mescola dura.

Le Red Bull dominano alternandosi durante i primi 10 minuti di prove libere, mentre le due Ferrari si mantengono a metà classifica. Basta poco, però, per prendere confidenza con la pista e raggiungere i piloti della scuderia rivale, avvicendandosi tra il terzo e il quarto tempo. Le prime quattro posizioni rimangono così equamente divise fino all’arrivo di Fernando Alonso che si piazza in terza posizione separando i due team.

A 15 minuti dalla partenza arriva un team radio di Ocon che lamenta di vedere del fumo a causa di un surriscaldamento dell’anteriore destra. L’Alpine è costretta a rientrare ai box, ma dal replay si intuisce che si sia trattato semplicemente di un sacchetto di plastica incastratosi nella ruota.
Intanto, a sorpresa, entrambe le Aston Martin registrano degli ottimi tempi e si accodano a Perez e Verstappen.

A metà delle prove c’è un contrattempo per Max Verstappen, che viene richiamato ai box subito dopo aver montato le gomme nuove. Dal team radio sentiamo l’olandese contrariato lamentarsi dell’ala posteriore e infatti è proprio lì che vediamo intervenire i meccanici di Milton Keynes.
Un incredibile Carlos Sainz ne approfitta per fare fucsia in tutti i settori e guidare la classifica con 1:15:441, ma quando Verstappen scende di nuovo in pista si riprende il miglior tempo girando in 1:15:158.

La classifica finale delle FP1 del Canada vede Alonso in terza posizione, esattamente in mezzo ai due top team

Alonso continua a dare fastidio ai due top team e a infilarsi loro nelle prime posizioni, unico ad aver montato le gomme medie. Lo spagnolo continua a mantenere un grandissimo passo gara e termina la prima sessione di prove libere in terza posizione. Davanti a lui Verstappen e Sainz, dietro di lui Perez e Leclerc. Non brillano invece le Mercedes: Russell termina in sesta posizione, davanti ad Hamilton che rimane in ottava.

Silvia Gentile

Sono Silvia, vengo da Torino e sono laureata in Discipline della Arti, della Musica e dello Spettacolo. L'amore per la Formula 1 è nato solo qualche anno fa, in maniera improvvisa e inaspettata, ma da allora uno dei miei desideri è quello di raccontarne le vicende e i protagonisti a chiunque abbia voglia di ascoltare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.