Formula 1Gran Premio Belgio

GP Belgio, Sainz: “Sono contento per la pole, ma..”

Il pilota spagnolo parla della pole position, grazie alla penalità del campione del mondo, e delle qualifiche in generale

Sainz è autore del secondo tempo, nel GP del Belgio, in gara però partirà dalla pole position, grazie alla penalità di Verstappen

Un’ottima qualifica per Carlos Sainz, che ha concluso le qualifiche posizionandosi in seconda posizione, ma domani si posizionerà nella piazzola della pole position del GP del Belgio. Infatti non sarà Verstappen a partire dalla prima piazza, penalizzato a causa di sostituzioni nella power unit, ma il pilota spagnolo. Per il madrileño si tratta della seconda pole position in questa stagione, la prima fatta nel GP della Gran Bretagna. Partirà davanti a Perez e Alonso. Intervistato dai giornalisti ha detto: “Il mio giro è stato buono, sono contento di partire dalla pole ma sono preoccupato dal distacco di Max e in generale il vantaggio della Red Bull durante il week-end“.

Dobbiamo continuare ad analizzare per capire perché la Red Bull ha questo vantaggio, su di noi, in questa pista, però partire dalla Pole è una buona posizione e cercheremo di vincere domani“, spiega lo spagnolo. Alla domanda sul lavoro di squadra, Sainz dice che: “Il mio primo tentativo nel Q3 è stato pulito, mentre il secondo giro di lancio è stato confusionario, a causa delle scie. Meno male il primo giro è stato sufficiente. Sono un po’ sconcertato dalla distanza tra noi e la Red Bull e questo mi fa chiedere come sarà la gara domani“, Sainz commenta cosi la sua pole nel GP del Belgio.

Un ultimo giro confusionario

L’ultima parte delle qualifiche, dello spagnolo, sono state confusionarie a causa del gioco di scie che si stava andando a creare. La Ferrari infatti, sfruttando la penalità di Leclerc, ha deciso di aiutare lo spagnolo a conquistare la pole position. All’inizio dell’ultimo tentativo, per Sainz, la Rossa ha mandato il monegasco in pista tardi rischiando che lo spagnolo non prendesse la scia. Il madrileño è riuscito lo stesso a sfruttare l’aiuto del compagno di scuderia e confermarsi in seconda posizione.

Mattia Peddis

Sono Mattia uno studente di scienze politiche con la passione per la Formula 1 e per la politica. Il mio obbiettivo è quello di trasmettere la mia passione per il Motorsport attraverso la scrittura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.