DichiarazioniFormula 1Gran Premio Bahrain

GP Bahrain, Ferrari: “Lavoriamo per essere più forti domenica”

Al termine della giornata, Vettel e Leclerc hanno raccontato il lavoro giornaliero svolto e i miglioramenti da fare in vista del GP del Bahrain

Al termine della giornata, i due piloti Ferrari hanno spiegato il lavoro svolto e i miglioramenti da fare in vista del GP del Bahrain

E’ stato un venerdì di lavoro molto intenso per la Ferrari in vista del GP del Bahrain, che si svolgerà questa domenica. Durante le due sessioni libere, Vettel e Leclerc hanno completato 118 giri lavorando su diversi aspetti. Infatti, i due piloti hanno testato le mescole prototipo Pirelli e poi si sono poi concentrati sullo sviluppo e l’assetto della monoposto.

Il team ha diviso il lavaro tra le due sessioni di prove libere e i due piloti, tenendo conto anche delle anomale temperature. Vettel e Leclerc si sono focalizzati sulle simulazioni in configurazione da qualifica e gara. Nelle FP1 il pilota monegasco ha segnato l’unidicesimo tempo, davanti al compagno di squadra. Mentre, nelle FP2 i due piloti hanno concluso in 12esima e 14esima posizione.

VETTEL: “DOBBIAMO CONCENTRARCI SULLA QUALIFICA”

Il quattro volte campione del mondo ha raccontato il lavoro svolto con il team. Ha così sottolineato quanto sia importante un’ottima gestione delle gomme e delle temperature. Ai colleghi, ha così riferito: “Oggi nella prima sessione avevamo il sole, mentre nella seconda abbiamo girato dopo il tramonto, tuttavia, forse a causa del periodo dell’anno nel quale ci troviamo, c’è stata molta meno differenza di temperatura tra le due sessioni rispetto alle edizioni precedenti della gara. Credo che quest’anno la pista di Sakhir non si adatti a noi così bene come in passato, ma abbiamo ancora del lavoro da fare e c’è margine per migliorare in vista di domani”.

“Guardando alla gara di domenica, sappiamo che il tracciato è molto severo con le gomme e che è difficile farle durare a lungo, credo però che sia lo stesso per tutti. Non è ancora ben chiaro quale sia la mescola che lavora meglio, e di conseguenza quante soste sarà necessario fare. Prima però ci dobbiamo concentrare sulla qualifica, poi penseremo al GP. Se è vero che i punti si assegnano domenica, è indubbio che più avanti si parte e migliori sono le tue possibilità, dal momento che si può puntare su più opzioni di strategia e di gestione delle gomme”, ha così concluso

LECLERC: “SIAMO BRAVI A MIGLIORARE DALL’OGGI AL DOMANI”

Leclerc si è detto un un po’ deluso dai risultati ottenuti oggi, ammettendo di essere in difficoltà. Tuttavia, è fiducioso che la situazione possa migliorare già domani in qualifica. Al termine della giornata ha così dichiarato: “È stato un primo giorno difficile. Mi aspettavo qualcosa di meglio perché tradizionalmente quella di Sakhir è sempre stata una pista molto amica del team negli ultimi anni. Questo fine settimana però sembra che siamo un po’ in difficoltà: per lo meno lo siamo stati in questo primo giorno. Di solto però siamo piuttosto bravi a risolvere i problemi dall’oggi al domani, quindi speriamo di lavorare bene stasera e di tornare più forti per la qualifica”.

In particolare ha spiegato quali siano i punti deboli in vista del GP del Bahrain: “Gli aspetti che dobbiamo migliorare penso ci siano abbastanza chiari: mi riferisco al bilanciamento, poiché al momento è abbastanza difficile gestire la macchina in curva e io ho commesso anche alcuni errori. Inoltre, nel complesso, non ho guidato benissimo oggi. I distacchi tra piloti sono minimi, quindi tutto ciò che possiamo guadagnare potrà darci un grande vantaggio”.

Chiara De Bastiani

Sono Chiara, ho 20 anni e studio scienze e tecniche psicologiche. Sono appassionata di motori e il mio amore per la Formula 1 è cresciuto piano piano insieme a me. Infatti, la seguo sin da quando ero piccolina, grazie a mio papà. Ho molte altre passioni e interessi che coltivo tra cui la danza, i viaggi, la montagna, la musica e l'arte. Sono un'inguaribile sognatrice che spera un giorno di poter lavorare in questo mondo fatto di passione, motori ed emozioni.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.