DichiarazioniFormula 1Gran Premio Austria

GP Austria, Russell: “Sono deluso, ma Alonso non vorresti mai averlo alle spalle”

Al termine di un GP d’Austria concluso ai piedi della zona punti George Russell sottolinea la difficoltà nel riuscire a tenere alle sue spalle Fernando Alonso

Un ottima gara per la Williams e George Russell quella del GP d’Austria con il britannico che chiuso in undicesima posizione dopo una lotta intensa con Fernando Alonso

Il GP d’Austria della Williams si divide in due, da una parte c’è la gara di Nicholas Latifi che termina in quindicesima posizione rispettando le aspettative, dall’altra c’è la prestazione superba di George Russell che ha chiuso in undicesima posizione perdendo la top-10 solo a seguito di un intensa lotta con l’Alpine di Fernando Alonso.

IL PUNTO DEL PILOTA

Lo stesso pilota britannico analizzando la sua gara, ha spiegato: “Oggi eravamo così vicini… ma finora. Mi sono sentito bene dall’inizio, ma poi Tsunoda ha avuto un bel bloccaggio e mi ha costretto ad uscire fuori dalla traiettoria per evitare di centrare il suo compagno di squadra, quindi ho dovuto frenare e perdere un paio di posizioni. Questo non ha cambiato l’esito della nostra gara perché c’erano auto più veloci che terminano sempre davanti a noi”.

Per concludere la sua analisi, parla anche di quel “maledetto” decimo posto e di quel punto conquistato fino a 13 km dal termine della gara: “Quella P10 e quel punto sarebbero stati come una vittoria per noi, quindi stavo lottando con tutto quello che avevo. Di tutti i piloti che vorresti avere alle tue spalle in questa situazione, Fernando non sarebbe uno di quelli che sceglieresti, stava volando e tenerlo alle mie spalle non era possibile con le mie gomme. Siamo tutti delusi di perdere con un margine così piccolo, ma stiamo facendo progressi reali e prenderemo gli aspetti positivi per Silverstone”.

Ruggiero Dambra

Mi chiamo Ruggiero e sono un ragazzo pugliese di 24 anni, studente di giurisprudenza (presso l'Università degli Studi di Bari) e appassionato di Formula 1 fin da bambino. La mia "carriera" come editore inizia nel 2013 con la creazione di un piccolo blog dedicato inizialmente alla cronaca, per poi passare ad occuparmi interamente di motorsport. In seguito ho scritto per diversi siti riguardanti la F1, fino ad iniziare la mia avventura con F1world nel settembre 2018. Accreditato dalla Federazione Internazionale dell'Automobilismo (FIA) potrete vedermi qualche volta in giro nel paddock. Quando mi chiedono chi vincerà il mondiale secondo me, io rispondo: "Il migliore".

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.