DichiarazioniFormula 1Gran Premio Austria

GP Austria, Perez: “È stato un lavoro duro”

Nelle consuete interviste post qualifiche dopo la conquista della seconda fila per il GP d’Austria Sergio Perez ha sottolineato alcune difficoltà

Al termine delle qualifiche del GP d’Austria come consuetudine si sono svolte le interviste dei primi tre alla quale ha partecipato anche lo stesso Sergio Perez.

Anche nelle interviste post qualifiche del GP d’Austria per l’ennesima volta durante il weekend il pilota della Red Bull Sergio Perez ha sottolineato il bisogno di fare molto lavoro, ma non solo, ha spiegato come il weekend è stato molto difficile a causa della ricerca continua del giusto bilanciamento:

“Il weekend è davvero molto difficile finora. Abbiamo inseguito il giusto bilanciamento, abbiamo esplorato la vettura in tutte le aree e ci siamo avvicinati sempre di più ad ogni tentativo. Non è stato semplice, è stato un lavoro duro. Da fuori non si vede. Siamo riusciti a fare un buon giro e domani avremo una bella macchina per la gara”.

Nonostante queste molteplici difficoltà nel corso del weekend, la Red Bull può sorridere poiché ha trovato due piloti che gli rendono possibile non solo lottare contro la Mercedes nei due campionati (piloti e costruttori), ma che gli permettono anche di superarla così com’è oggi, indispensabile dunque il lavoro di Sergio Perez insieme al compagno Max Verstappen.

LONG RUN NON PROMETTENTI

In attesa della gara di domenica bisogna stare attenti per quanto concerne proprio il team austriaco, poiché al termine della prima giornata proprio il pilota messicano aveva messo in guardia tutti sottolineando le difficoltà nella simulazione passo gara: “I long run erano decisamente promettenti, ma c’è ancora molto lavoro da fare. Non mi sento ancora completamente a mio agio con la monoposto quando monto la mescola più morbida”.

Ruggiero Dambra

Mi chiamo Ruggiero e sono un ragazzo pugliese di 24 anni, studente di giurisprudenza (presso l'Università degli Studi di Bari) e appassionato di Formula 1 fin da bambino. La mia "carriera" come editore inizia nel 2013 con la creazione di un piccolo blog dedicato inizialmente alla cronaca, per poi passare ad occuparmi interamente di motorsport. In seguito ho scritto per diversi siti riguardanti la F1, fino ad iniziare la mia avventura con F1world nel settembre 2018. Accreditato dalla Federazione Internazionale dell'Automobilismo (FIA) potrete vedermi qualche volta in giro nel paddock. Quando mi chiedono chi vincerà il mondiale secondo me, io rispondo: "Il migliore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.