Formula 1Gran Premio Australia

GP Australia, Perez-penalità: “Non importa”

Le dichiarazioni del pilota della Red Bull, al termine delle qualifiche sul circuito dell’Albert Park. Il messicano da P3 poi scivola in P6 a seguito della penalità per impeding

Sergio Perez autore del terzo miglior tempo nelle qualifiche del GP Australia, perde tre posizioni in griglia per impeding. Partirà dalla sesta casella

Sessione di qualifiche del GP Australia, terza tappa del mondiale di Formula 1 2024, con Sergio Perez che ottiene la terza posizione, alle spalle del compagno di squadra e poleman Max Verstappen e del ferrarista Carlos Sainz.

Fin qui tutto bene, sicché poi si è visto comminare una penalità dai commissari di gara del GP d’Australia per impeding nei confronti di Nico Hulkenberg, pilota della Haas.

L’episodio risale alla Q1, quando Sergio Perez ha ostacolato Nico Hulkenberg mentre era nel suo giro lanciato: in curva 13 il messicano, è rimasto in traiettoria costringendo il pilota della Haas ad alzare il piede ed evitarlo in quanto stava procedendo lentamente.

La beffa per Perez, che era stato autore di una buonissima sessione di qualifiche, avvertendo un buon feeling con la vettura, sembra sia stato il team Red Bull. Nel momento in cui Hulkenberg stava arrivando in curva 13, il team anziché seguire le vetture che arrivavano alle spalle del loro pilota, erano focalizzati su quelle davanti. L’avvertimento a Perez è arrivato troppo tardi, ad appena 1 secondo prima dell’arrivo del pilota della Haas alle sue spalle. Ciò nonostante, è stato inevitabile la penalità per impeding.

Checo da terzo domani sulla griglia di partenza si ritroverà in sesta posizione. La terza casella sarà occupata da Lando Norris, e Charles Leclerc sarà in quarta posizione.

Checo: “Chi sopravvivrà al degrado?”

Le dichiarazioni di Sergio Perez, al termine delle qualifiche del GP Australia: “Credo che c’era di più nella vettura. Il mio primo settore non è stato fantastico, specialmente in curva 1. Non ho azzeccato nel primo parziale e lì ho perso un decimo o un decimo e mezzo. Tuttavia sono contento. Considerando a come eravamo durante il fine settimana, credo che è stata un’ottima progressione”. 

“Credo che possiamo essere nella lotta con Ferrari, e con il resto della griglia. Il livello di degrado è abbastanza alto. La posizione di partenza non sarà così tanto importante,” ha aggiunto Checo.

La gara che scatterà domenica, quando in Italia saranno le ore 05:00, si prospetta essere avvincente. Le prestazioni della Ferrari sembrano migliori rispetto alle prime due tappe, e ciò porta a pensare che ci sarà una sfida molto serrata con la Red Bull. Tuttavia, la RB20 ha dimostrato di avere un passo gara nettamente migliore.

Guardando alle prestazioni di entrambe i team, con la Red Bull che dimostra di essere in vantaggio, tuttavia, Sergio Perez preferisce rimanere cauto in attesa della gara: “Lo scopriremo domani. Abbiamo fatto una leggera modifica alla nostra strategia per la gara. Vedremo chi sopravvivrà a questo degrado“.

Giorgia Meneghetti

Mi chiamo Giorgia, nata nel 1986, e residente a Fermo nelle Marche. Diplomata in Perito del Turismo, e con ottime conoscenze di lingue straniere: Inglese, Francese, Spagnolo. La Formula 1 è una delle mie più grandi passioni, che seguo dal 1998. I suoi protagonisti: piloti, monoposto, team mi hanno letteralmente stregata, tanto da spingermi a scrivere, raccontarla e viverla attivamente, sognando e sperando di poter un giorno incontrarli, e diventarne parte, e magari un lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio