Formula 1Gran Premio Australia

GP Australia: Grosjean avvertito della cancellazione da Vettel

Il pilota della Haas, ha ammesso di essere venuto a conoscenza della cancellazione del GP d’Australia dal collega della Ferrari Vettel

Romain Grosjean rivela di aver appreso che non ci sarebbe stato nessun GP australiano da un messaggio su WhatsApp di Sebastian Vettel.

Romain Grosjean sapeva ore prima dell’annuncio ufficiale che il GP d’Australia non si sarebbe disputato dalla bocca del quattro volte campione del mondo di F1 Sebastian Vettel. Da giovedì sera a venerdì, il pilota francese non riusciva a dormire e ha iniziato a messaggiare su WhatsApp, nel momento in cui iniziò a parlare con il tedesco, fu sorpreso che il pilota del Cavallino Rampante fosse sveglio e gli disse che stava andando all’aeroporto poiché la Ferrari gli aveva detto che non ci sarebbe stata alcuna gara.

L’ARRIVO DELLA NOTIZIA

Entrambi i piloti lo hanno scoperto a poche ore prima che l’organizzazione del Gran Premio annunciasse la sospensione dell’evento, mentre centinaia di fan hanno scoperto che non avrebbero gareggiato quel weekend solo pochi minuti prima dell’apertura dei cancelli del circuito:

“Ci sono state voci dal giovedì pomeriggio. Giovedì sera e venerdì non ho dormito molto bene. Alle tre del mattino ero su Whatsapp con Sebastian Vettel. Gli ho chiesto: ‘dove sei? Perché sei sveglio? ‘ e mi ha detto ‘Vado all’aeroporto’, ‘è cancellato, non si disputerà’ . Gli ho risposto che non avevo sentito nulla di ufficiale, quindi ho deciso di restare. Dopo mi ha detto ‘la mia squadra mi ha detto che potevo andare, quindi me ne sono andato’. Quindi verso le tre o le quattro del venerdì di Melbourne, quando ho saputo che le cose non stavano andando bene”.

LA DURA REALTÀ 

Il pilota della Haas, ammette che reagisce alla sospensione a causa del coronavirus come può. Inoltre, afferma che la gestione della crisi sanitaria è una priorità:

“Non ci resta che attendere e vedere come si evolve la situazione. Penso che la situazione generale sia molto più importante delle gare, anche se è strano essere a casa in questo periodo dell’anno. Per me, siamo a gennaio. Non posso assimilare che siamo ad Aprile. È gennaio e sono a casa ad allenarmi per i test di febbraio e per le gare di marzo”, afferma il francese.

Pubblicità

Ruggiero Dambra

Mi chiamo Ruggiero e sono un ragazzo pugliese di 23 anni, studente di giurisprudenza (presso l'Università degli Studi di Bari) e appassionato di Formula 1 fin da bambino. La mia "carriera" come editore inizia nel 2013 con la creazione di un piccolo blog dedicato inizialmente alla cronaca, per poi occuparsi di motorsport. Successivamente ho scritto per diversi siti riguardanti la F1, fino ad iniziare la mia avventura con F1world nel settembre 2018. Quando mi chiedono chi vincerà il mondiale secondo me, io rispondo: "Il migliore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button