Formula 1Gran Premio Arabia Saudita

GP Arabia Saudita: Red Bull mostra i denti

Inizia con il piede giusto il weekend saudita per la scuderia di Milton Keynes

Le luci si accendono sul GP dell’Arabia Saudita per la Red Bull, con due sessioni positive. Il toro dominerà anche il weekend saudita?

Inizia la seconda sessione di prove libere della stagione, con un copione non molto diverso dal solito. Il team di Milton Keynes scende in pista, nel weekend di gara anticipato di una giornata a causa del Ramadan, dimostrando di avere la monoposto per competere per la vittoria anche in terra saudita. Due sessioni di prove libere in cui sono state provate tutte le mescole slick disponibili e si è testato il passo gara. Red Bull sa di poter dominare il GP dell’Arabia Saudita, inviando un ulteriore segnale di forza alle scuderie rivali.

Max Verstappen, nelle prime prove libere, ha chiuso con un crono di 1:29.659 che gli è valsa la prima piazza. Nelle FP2, l’olandese ha chiuso in terza posizione, grazie a un 1:29.158, effettuato grazie a gomme soft. Perez ha chiuso le FP1 in terza posizione, con un tempo di 1:29.868 e successivamente durante le seconde prove libere e andato a concludere in quinta piazza con un 1:29.300. Come si vede dai tempi, e da come la monoposto è scesa in pista, si può pensare che le Red Bull lasceranno solo le briciole ai propri rivali, attenzione però alla mina vagante Alonso capace d’insidiare le posizioni di vertice.

Le parole dei piloti

Max Verstappen ha affermato: “Le sessioni di prove libere di oggi sono state nel complesso abbastanza soddisfacenti. Il ritmo è stato buono sia sul long run che sul short. Nel complesso, abbiamo capito molto e ci sono sempre cose che cerchi di fare meglio durante una prestazione su un giro. Sappiamo che altri team hanno un po’ più potenza sul giro singolo, quindi esamineremo i dati per cercare di migliorare la nostra prestazione complessiva e ricavare il massimo possibile da questo. Sulla questione qualifiche sono positivo; sarà dura, ma siamo contenti della nostra prestazione di oggi e non vediamo l’ora che arrivi domani”.

Anche Sergio Perez ha una visione positiva e dichiara che: “Penso che siamo a buon punto con la monoposto e le prestazioni messe in pista. Dobbiamo solo fare qualche messa a punto, ma sono contento e cerchiamo di capire di cosa abbiamo bisogno per domani. Abbiamo un’idea molto chiara della direzione che prenderemo per rendere la vettura più veloce e se riusciamo a farlo ciò andrà a beneficio del long run e delle qualifiche. Sono molto soddisfatto di oggi. Si tratta di mettere insieme tutto in qualifica, questo sarà l’obiettivo principale e vedremo cosa saremo in grado di fare”.

Mattia Peddis

Sono Mattia uno studente di scienze politiche con la passione per la Formula 1 e per la politica. Il mio obbiettivo è quello di trasmettere la mia passione per il Motorsport attraverso la scrittura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio