Formula 1Gran Premio Arabia Saudita

GP Arabia Saudita, Leclerc: “Con Verstappen duello duro ma divertente”

Il pilota della Ferrari è stato sfortunato nel finale. A causa di una bandiera gialla non è riuscito a sfruttare il DRS

Dopo una gara condotta senza errori, Charles Leclerc deve accontentarsi della seconda posizione nel GP di Arabia Saudita

Al via le posizioni rimangono invariate: Perez parte bene e chiude la traiettoria interna per proteggersi da Leclerc che, mantiene la seconda posizione.
Nelle prime fasi del GP di Arabia Saudita la Ferrari non sembrava a suo agio sulla pista di Jeddah, ma a scombinare un po’ le carte in tavola ci pensa la Virtual Safety Car al sedicesimo giro.

Latifi finisce contro il muro con la sua Williams e la Ferrari, dopo la finta di alcuni giri prima, richiama Leclerc ai box. Il monegasco, baciato dalla Dea Bendata, riesce a balzare davanti a Perez nel balletto dei pit stop e agguanta la prima posizione che riesce a mantenere anche alla ripartenza dietro alla Safety Car.

Leclerc si porta a casa anche il giro veloce

Esattamente come successo già in Bahrain, anche in occasione del GP di Arabia Saudita Leclerc e Verstappen hanno dimostrato di avere un altro passo rispetto alla concorrenza. Il monegasco e l’olandese si sono dati battaglia con una serie di sorpassi e controsorpassi che hanno entusiasmato i tifosi. Il pilota della Ferrari #16 è riuscito a portarsi a casa anche il giro veloce, con conseguente punto di bonus.
Verstappen ha fatto davvero un buon lavoro. Devo assolutamente complimentarmi con lui – ha raccontato a caldo il ferrarista – Sono un po’ deluso di come è terminata la gara ma abbiamo spinto fino alla fine e posso dire che c’è grande rispetto tra di noi“.

Una bandiera gialla infrange i sogni in Rosso

Il sorpasso decisivo arriva al 47esimo giro: Verstappen attacca Leclerc all’esterno e lo passa in fondo al rettilineo. E proprio nel finale di gara la fortuna, che aveva aiutato il monegasco nella prima parte della corsa, si accanisce su di lui. Quando Leclerc si trovava incollato a Verstappen e quindi poteva usare il DRS per tentare il sorpasso, i commissari hanno iniziato a sventolare bandiera gialla a seguito del contatto tra Albon e Stroll: “Ho dato tutto quello che potevo ma non è stato abbastanza. Mi sarebbe piaciuto vincere: eravamo veloci in curva ma più lenti sul rettilineo e questo fattore ha fatto la differenza nella mia battaglia con Verstappen. Il nostro confronto è stato duro ma ci siamo divertiti“, ha concluso.

Eleonora Ottonello

Mi chiamo Eleonora e sono di Genova. Scrivo per passione, nella vita di tutti i giorni sono un'educatrice cinofila. Non ho paura di dire (forse è meglio dire scrivere) quello che penso. Per me la sincerità e la franchezza sono alla base di ogni rapporto umano. Sono pignola e puntigliosa ma disordinata e pasticciona allo stesso tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.