DichiarazioniFormula 1

Giovinazzi: “La cosa principale è gareggiare in sicurezza”

Il pilota italiano è d’accordo con l’idea di effettuare le gare di Formula 1 a porte chiuse, se ciò può essere utile a far iniziare la stagione

Antonio Giovinazzi è d’accordo con l’idea di effettuare le gare di Formula 1 a porte chiuse, se ciò può essere utile a far iniziare la stagione prima

Coloro che nel Circus hanno il pieno controllo su come potrebbe essere rivisto il calendario del 2020, stanno ipotizzando l’idea di tenere eventi a porte chiuse.  Limitando così il personale al solo staff dei team. Il pilota italiano dell’Alfa Romeo pensa che sia una buona idea, in quanto aiuterebbe la Formula 1 a iniziare la stagione con maggiore sicurezza. “Sicuramente sarà davvero diverso, le persone che vengono a supportarci sono un ulteriore incentivo per ogni pilota, ha così affermato Giovinazzi a Sky Sports F1.

“Ma ora, la cosa principale è correre in tutta sicurezza. Al momento, tale modo è quello di dover rinunciare al pubblico. Penso che se vogliamo iniziare la stagione nel minor tempo possibile, questa è la soluzione più sicura per gareggiare” ha così proseguito. I test pre-stagionali a Barcellona rappresentano un momento cruciale per ogni pilota. Il lavoro svolto durante l’inverno viene finalmente testato, per poter avere un quadro generale prima dell’inizio della stagione. Giovinazzi pensa che tutti i piloti troveranno difficoltà nel ricominciare a gareggiare, dopo una preparazione fisica limitata.

Perciò l’italiano ha dichiarato: “Penso che sarà abbastanza difficile. Quando torniamo a Barcellona dopo la pausa invernale, dopo il primo giorno il collo è completamente distrutto. Ora abbiamo più di due mesi, o forse anche tre di stop. Quando torneremo si ipotizza che dovremo gareggiare per tre settimane di fila. Sarà dura ma sarà così per tutti”. Le gare virtuali aiutano i piloti a non perdere l’allenamento. A proposito, Giovinazzi si è divertito a mettere in scena una forma di spettacolo per i fan.

SECONDO IL PILOTA ITALIANO, LE GARE VIRTUALI NON SONO COSI’ SEMPLICI COME SEMBRANO

“E’ stato davvero bello e lo abbiamo fatto per i fan, per le persone a casa, in modo che possano comunque vedere un po’ d’azione dai piloti di Formula 1. Sembra semplice, ma in realtà non lo è affatto, infatti a fine gara ero completamente sudato! Senza alcun feedback, sei semplicemente seduto lì solo, a guidare con il volante. E’ stata dura ma molto divertente. Non vedo l’ora di effettuare la prossima gara. Noi piloti abbiamo un canale e gareggiamo ogni pomeriggio, solo per divertirci e anche per fare due chiacchiere. Ci piace guidare e utilizziamo il simulatore ora, anche per allenarci un po’ mentalmente” ha così concluso Giovinazzi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.