Formula 1

La Formula 1 abbozza una riorganizzazione del calendario

Il Circus sta valutando le diverse opzioni disponibili per riprendere la stagione 2020, valutando tempistiche, mobilità e sicurezza

Mentre aleggia ancora un’aura di mistero sullo svolgimento di alcuni appuntamenti del mondiale, il Circus cerca di valutare delle possibili date per garantire almeno alcune tappe nel corso del 2020

Già dall’annullamento e dalla sospensione dei primi Gran Premi dell’anno, la Formula 1 si è messa al lavoro per rivalutare il calendario 2020. Le attività sono entrate subito in fermento e, ora che l mondo sta sempre più subendo i colpi dovuti al coronavirus, è emersa una prima bozza della riorganizzazione delle gare di quest’anno.

Com’è facile intuire, la cosa più semplice da fare sarebbe chiedere a tutte le città organizzatrici di rivedere la propria data ufficiale. In questo modo sarebbe più semplice ricostruire il calendario partendo da zero, andando a valutare caso per caso quale potrebbero essere i primi appuntamenti di questo ormai stravolto mondiale.

MODIFICHE E CALENDARIO PROVVISORIO

Andando a operare in questo modo, ripartendo quindi da zero, la stagione 2020 potrebbe iniziare a luglio. Il mese estivo andrebbe a ospitare due dei Gran Premi stagionali, scegliendo tra Inghilterra, Austria e Francia. Successivamente, avendo anticipato la comune pausa estiva, ad agosto verrebbero ospitate altre tre gare. In questo caso, a giocarsi la data sul calendario,  sarebbero Ungheria, Paesi Bassi, Belgio, Italia e un’altra tra le nazioni europee promotrici della Formula 1.

Da parte del Circus e di Liberty Media, l’idea sarebbe quella di svolgere queste prime tappe a porte chiuse. In questo modo verrebbero ridotti i rischi di contagio che rimarrebbero comunque alti. La cosa andrebbe sicuramente a scapito dello spettacolo dell’evento di Formula 1 in toto,  cosa che ha spinto l’Olanda a rifiutare uno svolgimento di questo tipo.

Al di là di questo aspetto, la Formula 1 starebbe valutando la ripartizione delle gare per continente. In questo senso, una volta concluse le tappe europee, piloti e team verrebbero accolti dall’Asia a settembre, seguita poi dagli appuntamenti americani e dalle ultime tappe di Bahrein e Abu Dhabi. Il calendario verrebbe quindi riorganizzato per blocchi, mantenendo attiva la possibilità di ridurre alcuni Gran Premi a solamente due giorni, anziché il weekend tradizionale.

FORMULA 1 2020 IN SINTESI

In altre parole, un possibile calendario per quest’anno potrebbe essere – in termini molto generali – il seguente:

BLOCCO EUROPEO

  • Luglio: due gare, scegliendo tra Austria, Inghilterra e Francia;
  • Agosto: tre gare, scegliendo tra Ungheria,  Olanda, Belgio, Italia e un’altra tappa europea.

BLOCCO PRE-ASIATICO

  • Settembre: due gare, scegliendo tra Singapore, Russia e Azerbaijan;

BLOCCO ASIATICO

  • Ottobre: tre gare, Giappone, Vietnam e Cina;

BLOCCO AMERICANO

  • Novembre:  due gare, Messico e Brasile;

BLOCCO FINALE

  • Dicembre: due gare, Bahrein e Abu Dhabi.

Nel mentre, tuttavia, la Formula 1 ha fatto sapere di aver anche previsto misure precauzionali ad hoc da utilizzare nel corso dell’intera stagione. Tra questi, diversi test saranno fatti ai membri del Circus, così come gli alloggi e i viaggi in aereo saranno organizzati in modo da evitare il diffondersi di eventuali contagi. Inoltre, tutte queste informazioni sono ancora in una versione abbozzata. Data la variabilità della situazione, altre modifiche potrebbero essere fatte nel corso dei prossimi giorni, seguendo anche l’evoluzione del virus.

Topics
Pubblicità

Anna Vialetto

Anna è sinonimo di determinazione, concentrazione e curiosità. Ho sempre studiato e lavorato per rincorrere e realizzare i miei sogni, con l'obiettivo di concretizzarli in quella che è la mia più grande passione: l'automotive. La Formula 1 per me è parte integrante della mia personalità: il rombo dei motori, i sorpassi all’ultimo centimetro, la velocità delle monoposto. Ma soprattutto, tutto il mondo che sta dietro allo spettacolo in pista: l'organizzazione, la comunicazione, il marketing, l'energia...la stessa che, fin da quand'ero bambina, mi ha portata a coltivare questo grande amore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button