Formula 2
Trending

Formula 2, Riassuntone GP Gran Bretagna: trionfano Mazepin e Ticktum

Sul circuito di Silverstone hanno avuto la meglio Mazepin e Ticktum, weekend da dimenticare per i piloti FDA

Sul circuito di Silverstone trionfano Mazepin e Ticktum, ma spicca anche la performance di Lundgaard

E’ tornato l’appuntamento di Formula 2 con il GP di Gran Bretagna sullo storico tracciato di Silverstone. Le due gare si sono rivelate piene di sorprese e spettacolo. A trionfare nella feature race è stato il pilota russo della Hitech Nizita Mazepin, mentre Ticktum ha avuto la meglio nella sprint race grazie ad un’ottima gestione della gara. Infatti, dopo il difficile weekend affrontato in Ungheria, è riuscito a festeggiare sulla pista di casa.

Non è passato di certo inosservato Lundgaard, pilota dell’Art Grand Prix che ha mostrato talento e costanza. Nella gara di sabato ha sfiorato il podio, mentre domenica è riuscito a godersi il podio regalando spettacolo ai fan. Il pilota danese si è così posizionato terzo nella classifica piloti, dietro a Shwartzman e Ilott. Buono anche il weekend dello svizzero Delétraz mentre Drugovich è scivolato. Dopo esser partito in pole position e in seconda piazza non è riuscito a conquistare il podio, indietreggiando fino alla sesta e alla settima posizione. Un weekend da dimenticare anche Ghiotto che ha faticato e sofferto in entrambe le gare.

FORMULA 2 FEATURE RACE: L’HITECH VINCE CON MAZEPIN

La Feauture Race del GP di Gran Bretagna inizia subito con un colpo di scena. Nel giro di formazione la monoposto di Ilott non riesce a partire, obbligando il britannico a iniziare la gara dalla pit lane, rinunciando alla seconda piazza. Allo spegnimento dei semafori, i riflessi e la velocità di Schumacher spiazzano gli avversari. Dalla terza posizione il tedesco riesce ad attaccare Drugovich e Lundgaard conquistando la leadership della gara. Il pole sitter scivola nelle retrovie, mentre Mazepin avanza con ritmo incessante superando gli avversari fino ad arrivare primo. Invece, Schumacher indietreggia fino alla nona posizione, dopo esser stato spodestato dal pilota danese e da quello svizzero. La gara però non finisce così, regalandoci ulteriori emozioni e sorpassi mozzafiato.

Tra i protagonisti della feature race è spiccato il pilota dell’UNI-Virtuosi Zhou che ci ha regalato spettacolo. Partito ottavo è riuscito a conquistare il secondo gradino del podio inventandosi numerosi sorpassi ai danni dei colleghi. Il pilota cinese ha riacceso la gara negli ultimi giri, facendoci restare incollati davanti allo schermo. E’ stato lui l’autore del miglior sorpasso del weekend, infatti al 25esimo giro è riuscito a passare Tsunoda e Delétraz in lotta tra loro conquistando così il podio. Negli ultimi giri Lundgaard si è trovato in difficoltà e, dopo aver perso la posizione con Zhou, l’ha persa anche con Tsunoda, facendo sfumare l’occasione del podio.

La gara si conclude con Mazepin che taglia per primo il traguardo, seguito da un velocissimo Zhou e da Tsunoda. I complimenti vanno fatti anche a uno strepitoso Callum Ilott che, partito dalla pit lane, non si è fatto scoraggiare e ha rimontato fino alla quinta posizione, conquistando punti importanti per il campionato.

FORMULA 2 SPRINT RACE: TICKTUM TRIONFA SULLA PISTA DI CASA

La Sprint Race è cominciata con un ottimo spunto in partenza di Lundgaard, che si piazza immediatamente dietro al leader. La commissione ha poi chiamato in causa la virtual Safety car dopo il contatto tra Tsunoda e Ilott che ha costretto al ritiro il pilota giapponese. Ancora una volta Zhou ha dato spettacolo. All’ottavo giro, dopo aver preso la scia, ha superato in una sola mossa Mazepin e Drugovich facendo esultare gli appassionati.

Non è stata da meno la performance di Ilott che, affamato di podio e vittoria, ha attaccato Lundgaard conquistando la seconda piazza. Le gomme del britannico sembravano non soffrire il degrado, così il talento Ferrari ne ha approfittato per cercare di creare un gap di 5 secondi e rimediare alla penalità presa a inizio gara. Però, mentre cercava di fare giri da qualifica Ilott ha commesso un errore perdendo la monoposto. Costretto al ritiro al 16esimo giro, ha causato una Safety Car che ha rimescolato le carte in tavola.

Tutti i piloti sono stati costretti a passare per la pit lane. Lundgaard è stato l’unico tra i primi a fermarsi ai box per cambiare le mescole. La strategia dell’Art Grand Prix ha avuto successo e ha permesso al pilota danese di conquistare il secondo gradino del podio dopo aver sorpassato Zhou e Delétraz. Invece, la Prema non è stata all’altezza. Entrambi i pit stop hanno richiesto più tempo del necessario, facendo indietreggiare i due piloti. In particolare Schumacher dall’ottava posizione è retrocesso fino alla 14esima, alle spalle del compagno di squadra.

Dopo un weekend molto positivo, Zhou ha perso la vettura all’ultimo giro, scivolando fino alla nona posizione. Il GP si è concluso con la vittoria di Ticktum. Dopo il terribile weekend ungherese è riuscito a tornare sul gradino più alto, per di più sulla pista di casa. A completare il podio sono stati Lundgaard che in questi giorni ha particolarmente brillato e Delétraz.

WEEKEND DIFFICILE PER I PILOTI DELLA FDA

Sono state gare da dimenticare per i piloti della FDA. Dopo il brillante inizio di campionato da parte di Ilott, Schumacher e dei due rookie Shwartzman e Armostrong, ci saremmo aspettati risultati ben più che positivi. Invece, non è stato un weekend facile per i giovani talenti del cavallino rampante che hanno faticato a trovare un buon ritmo e che hanno affrontato alcuni problemi tecnici. Ilott ha messo in mostra le sue doti con una meravigliosa rimonta nella prima gara, ma il sogno del podio in casa è svanito definitivamente dopo aver perso la monoposto ed essersi ritirato nella sprint race.

Un’altra nota di merito va fatta al tedesco di casa Prema che ha fatto la differenza in qualifica piazzandosi terzo. Al via della feature race è poi riuscito a balzare in prima posizione grazie a un ottimo spunto in partenza. Meno bene le performance dei Shwartzman e Armstrong, che hanno pagato il confronto con i compagni di squadra, e di Giuliano Alesi. Infatti, tutti e tre hanno avuto difficoltà a trovare velocità, sia in qualifica che in gara. Nonostante i risultati non siano stati quelli sperati il pilota russo è riuscito a mantenere la testa della classifica piloti, seguito dal collega britannico.

NEXT STOP: SILVERSTONE 2.0

A distanza di una settimana, così come la Categoria Regina, anche la Formula 2 tornerà a dare spettacolo sul tracciato di Silverstone. Anche in questo weekend è riuscita a far divertire gli appassionati regalando lotte, sorpassi e colpi di scena. L’azione in pista ricomincerà come di consueto con le prove libere che daranno la possibilità ai team di riconfermarsi o di migliorarsi. La lotta in pista per il campionato si fa sempre più avvincente e noi non possiamo far altro che goderci i talenti dei giovani piloti.

Pubblicità

Chiara De Bastiani

Sono Chiara, ho 20 anni e studio scienze e tecniche psicologiche. Sono appassionata di motori e il mio amore per la Formula 1 è cresciuto piano piano insieme a me. Infatti, la seguo sin da quando ero piccolina, grazie a mio papà. Ho molte altre passioni e interessi che coltivo tra cui la danza, i viaggi, la montagna, la musica e l'arte. Sono un'inguaribile sognatrice che spera un giorno di poter lavorare in questo mondo fatto di passione, motori ed emozioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button