DichiarazioniFormula 2Formula 3

Formula 2 e Formula 3, Cambio di format per il 2022

Dopo i cambiamenti al programma sperimentati quest’anno, la FIA e i promotori fanno un passo indietro. Si torna così a correre insieme in appuntamenti caratterizzati dalla presenza di due gare

Il nuovo format annunciato dalla Formula 2 dalla Formula 3 per il 2022 è in realtà un (bel) ritorno al passato

Dal 2022 la Formula 2 e la Formula 3 torneranno al precedente format. Dopo un anno dove le due categorie cadette si sono spartite i fine settimana (Sochi esclusa) in cui erano addirittura tre le gare da disputare, si fa un passo indietro. Entrambe torneranno a correre negli stessi appuntamenti affiancando come al solito la Formula 1, stavolta con sole due gare per tappa.

Il programma prevederà una sessione di prove libere da quarantacinque minuti, una di qualifica da trenta, una Sprint Race al sabato e una Feature Race alla domenica. Con la griglia della Sprint determinata dall’inversione dei primi dieci o dodici della qualifica (a seconda che sia rispettivamente F2 o F3); e con quella della Feature stabilita dal risultato della qualifica.

UN PASSO INDIETRO

“Siamo lieti di annunciare dei cambiamenti per il format dei fine settimana di Formula 2 e 3 per la prossima stagione. E sono grato a Bruno e ai team per i loro sforzi per averlo reso possibile. La stagione 2021 è stata eccitante e il talento messosi in luce in entrambi i campionati è incredibile. Vogliamo assicurare ai nostri fan il massimo dell’intrattenimento durante i weekend di gara e portare entrambi insieme nel 2022 porterà maggiore attività in pista”, così Stefano Domenicali.

Queste invece le parole di Bruno Michel (CEO della Formula 2 e della Formula 3): “Nel 2021 abbiamo introdotto un nuovo programma decidendo pure di far correre separatamente la F2 e la F3. Lo abbiamo fatto principalmente per i costi, cosa da questo punto di vista risultata efficiente. Nonostante però questa abbia funzionato abbastanza bene, abbiamo capito che passava troppo tempo tra un evento e l’altro”.

“Fatto che non era ideale né per i team, né per i piloti e né per i fans. Si aggiunge anche la forte volontà delle parti interessante si far correre nuovamente insieme entrambe le categorie minori con la F1. Così dopo un’attenta valutazione, insieme alla FIA abbiamo deciso di modificare il regolamento sportivo.

“Questa è una grande news per i tifosi perché porterà maggiore vivacità durante i weekend di gara, facendo correre insieme tutti e tre i campionati. Manterremo comunque le nostre gare in cui verrà assegnato il maggior numero di punti e in cui pista in gioco è più alta alla domenica. Credo che quest’anno abbia portato molta azione la domenica mattina in vista del GP di Formula 1″.

“Abbiamo attentamente analizzato l’impatto dei cambiamenti che avevamo fatto per il 2021. E sebbene vi siano stati alcuni notevoli vantaggi, la FIA insieme ai promotori ha concluso che avere negli stessi eventi la F1, la F2 e la F3 sarebbe stato conveniente sia per i competitors che per gli spettatori. Il processo normativo è in costante evoluzione, e ci sono tante cose che abbiamo imparato quest’anno e che implementerà la piramide delle categoria con le monoposto”, la dichiarazione di Michael Masi.

Silvia Quaresima

Il mio amore per la Formula 1 é sempre stato lì con me, fin da quando ho ricordo delle vittorie di Michael in rosso. Ma con il tempo è cresciuto così tanto che ora c’è voglia di esserne parte e di raccontarla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.