2019Dichiarazioni dei PilotiFormula 1

Formula 1 | Verstappen: “Honda? La notte prima di provare il motore, non ho chiuso occhio”

Nonostante la fiducia ostentata verso la Honda, Verstappen ammette di avere provato molta agitazione la notte prima di provare la RB15 equipaggiata con la power unit giapponese nello shakedown a Silverstone

Topics

Per la prima volta nella sua storia, la Red Bull inizierà il campionato equipaggiata con i motori Honda. Le prestazioni del motorista nipponico nel corso del 2018 con Toro Rosso hanno convinto il team di Milton Keynes a lasciare la Renault, con la quale il rapporto era divenuto turbolento già nel 2015. Nonostante sia sempre stata lontana dal podio sia durante la partnership con McLaren che lo scorso anno anno con Toro Rosso, Honda ha spesso ricevuto le lodi di Max Verstappen, che da mesi si dice fiducioso sul fatto di poter disporre di più cavalli grazie al motorista nipponico. Anche l’olandese, tuttavia, prima di salire sulla RB15 per lo shakedown a Silverstone, un po’ di incertezza ce l’aveva…

L’ha svelato lo stesso Verstappen, che ha raccontato di avere trascorso una notte insonne dovuta all’incognita della nuova power unit: “Ero davvero molto emozionato – ha raccontato il pilota Red Bull ad AutosportForse non lo ero mai stato così tanto da lungo tempo. Prima dello shakedown non sapevo davvero cosa aspettarmi. L’unica cosa che volevo era andare in pista e percepire il comportamento del motore. Non vedevo l’ora che arrivasse l’occasione. La notte prima dello shakedown non ho mai chiuso occhio…”.

Mentre Ricciardo ha lasciato intendere di avere lasciato la Red Bull, in minima parte, anche per le incertezze legate alla Honda, l’approccio di Verstappen verso il motorista nipponico è sempre stato all’insegna di fiducia ed entusiasmo. Sensazioni che non si sono placate dopo i test di Barcellona, dove l’olandese ha lodato la Honda dichiarando di avere completato i test pre-stagionali più soddisfacenti della carriera. Anche se Red Bull si è tenuta lontana dai tempi ad effetto, durante gli otto giorni di test la power unit giapponese non ha mai manifestato rotture o cedimenti. Semmai, gli unici intoppi sono arrivati dai due incidenti di Pierre Gasly, ma questo non ha nulla a che vedere con il motore.

“I test ci sono serviti a molto. Abbiamo imparato tante cose su come pianificare il lavoro insieme, ed è un elemento importante perché poi durante la stagione non abbiamo più tanto tempo per preparare le gare. Stiamo inaugurando una nuova era per noi grazie ad Honda, e tutti nel team sono molto eccitati. C’è davvero una bella atmosfera, siamo tutti motivati nell’iniziare questo nuovo capitolo ha concluso Verstappen.

 

Topics
Pubblicità

Luca De Franceschi

Sono Luca, studio Lettere e seguo la Formula 1 da una decina d'anni. Mi sono appassionato a questo sport durante l'era dei successi di Michael Schumacher con la Ferrari, per poi assistere alle prime vittorie di Fernando Alonso, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel. A casa ho diversi DVD sulla storia di questo sport, che mi hanno fatto conoscere i piloti e le auto del passato. Ho anche la passione dei kart, sui quali ogni tanto vado a girare.

Altri articoli interessanti

Back to top button