2018Gran Premio Cina

Formula 1 | Stampa italiana contro la Ferrari: Raikkonen trattato come una pedina

La stampa italiana si è schierata contro il trattamento riservato al pilota finlandese da parte della Ferrari, che sembrerebbe essere intenzionata a vederlo solamente come un mero secondo pilota e non come il campione che ancora dimostra di essere

Topics

La stampa italiana non le manda a dire e, anzi, preferisce non avere peli sulla lingua quando si parla di Formula 1 e di Ferrari. L’ultima parola, infatti, è stata dedicata al trattamento che la Scuderia di Maranello starebbe riservando al pilota finlandese Kimi Raikkonen, trattato come uno spudorato pilota numero due.

Si tratta di un argomento che da sempre genera discussioni su discussioni e che molto spesso ha provocato l’emergere di veri e propri dibattiti in merito alle strategie o alle azioni in pista messe in scena dal team, volte a favorire questo o quel pilota.

In particolare, Pino Allievi giornalista de La Gazzetta dello Sport, ha dichiarato che Raikkonen non sarebbe altro che una pedina in mano alla Ferrari, utilizzata semplicemente per proteggere e favorire il pupillo tedesco Sebastian Vettel.

Ciò che ha scatenato le opinioni sul trattamento di Raikkonen da parte della scuderia, è stato senz’altro l’episodio che durante il Gran Premio di Shanghai ha visto il pilota finlandese fungere da rallentantore nei confronti di Valtteri Bottas, in modo che il pilota della Mercedes non compromettesse la gara di Vettel.

“Per anni abbiamo criticato Raikkonen, ma all’inizio del 2018 sta mostrando uno spirito diverso e ci ha fatto ricordare il campione che è stato: anche la Ferrari avrebbe dovuto accorgersene. Invece Kimi viene penalizzato per via della strategia e considerato dal team come un semplice supporto di Vettel”.

Secondo Allievi si tratta di un grosso errore commesso da parte della Ferrari, che rischia solamente di influenzare il morale del pilota e compromettere le sue prestazioni; della stessa opinione è sembrato essere Andrea Cremonesi, secondo cui le azioni della scuderia potrebbero presto influire sull’equilibrio della squadra.

Dal canto suo, Kimi non ha ancora espresso alcuna lamentela a riguardo, anche se naturalmente non è sembrato essere particolarmente entusiasta del risultato ottenuto sul circuito di Shanghai.

Topics
Continua la lettura

Anna Vialetto

Mi chiamo Anna, ho 24 anni, laureata in Comunicazione e attualmente studentessa in Web Marketing & Digital Communication. Sono una ragazza determinata e testarda, con la passione per lo scrivere, i libri e gli anime. Nonostante le numerose cadute, cerco di trovare sempre il modo per rialzarmi e dare il meglio, per me e per la mia famiglia, punto di riferimento e fonte di ispirazione in ogni momento. La passione per la Formula 1 è iniziata circa durante gli ultimi anni dell’era Schumacher in Ferrari e, da quel momento, non mi ha più abbandonata. Il rombo dei motori, i sorpassi all’ultimo, la velocità sono tutti elementi che mi tengono incollata allo schermo e mi fanno venire la pelle d’oca. Il team a cui sono legata è Ferrari, con cui condivido gioie, dolori, rabbia, quasi come se vivessi in prima persona l’esperienza del Gran Premio: nonostante tutto, le emozioni che la scuderia e la Formula 1 riescono a regalarmi, sono qualcosa che è difficile spiegare a parole.

Aspetta! C'è dell'altro!