Curiosità dalla F1Test BarcellonaTest Formula 1

Formula 1 | Primo test della Mercedes con le Pirelli 2017: tempo da lupi e Hamilton OUT

Al Montmelò il team Mercedes ha avuto modo di provare, con qualche intoppo di troppo, le Pirelli del prossimo anno

La due giorni di test organizzata dal team Mercedes sul circuito spagnolo del Montmelò non è andata esattamente come gli ingegneri avrebbero voluto.
Le basse temperature del mattino di mercoledì 12 ottobre (17° sull’asfalto all’inizio delle prove) e le fastidiose piogge del pomeriggio hanno creato forti ostacoli sul programma previsto, rendendo la vita difficile ai tecnici della casa dalla P lunga nella rilevazione di dati significativi.

Nico Rosberg è stato il primo a scendere in pista: al volante della vecchia W06 Hybrid utilizzata come muletto e modificata per simulare i differenti livelli di carico aerodinamico della prossima stagione, ha percorso un totale di 60 giri ripartiti in 46 al mattino sulle slick ed i restanti nel pomeriggio una volta passato alle full wet.

In questa sessione le difficoltà relative allo sviluppo delle nuove coperture larghe si sono rivelate in maniera palese, soprattutto quando non ci sono le condizioni per poter spingere gli pneumatici al limite.
Le temperature dell’asfalto in relazione al livello di usura delle mescole non sono mai state raggiunte e se a ciò si aggiungono le barriere nell’ottenere i valori di carico aerodinamico imposti dal nuovo regolamento 2017, si può ben capire come test su piste come queste sono un vero spreco di soldi ed energie da parte dei team.

Ma non è tutto: il giorno successivo la Mercedes aveva in programma di far scendere in pista anche Lewis Hamilton il quale tuttavia ha dovuto alzare bandiera bianca in maniera preventiva.
Qualche giorno prima si era procurato in allenamento un piccolo malanno ad un piede che l’ha tenuto lontano dai cordoli già nella prima giornata di test.
La speranza è l’ultima a morire ma un solo giorno di riposo non è bastato per recuperare al 100% e quindi il tre volte campione del mondo ha preferito lasciar perdere al fine di ritornare nel pieno della forma per il prossimo GP di Austin.

In sua sostituzione il team Mercedes ha chiamato Pascal Wehrlein, pilota di riserva della scuderia tedesca che sta tuttora concludendo i suoi giri di pista in modo da proseguire il lavoro già iniziato il mese scorso in quel del Paul Ricard francese.

Giulio Scrinzi

Sono nato il 21/04/1993 a Rovereto e fin da piccolo ho sempre avuto una forte passione per tutto ciò che è veloce e che ha un motore. La Formula 1 rappresenta per me un'opportunità come giornalista ma anche il sogno di una vita: diventare un pilota. I miei miti? Michael Schumacher e Ayrton Senna. Il mio motto? "Keep fighting".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button