2018Dichiarazioni dei PilotiFormula 1

Formula 1 | Nico Rosberg: “Non è così che si vince un mondiale”

Il pilota tedesco ha voluto esprimere la propria opinione in merito all’ennesimo errore commesso da Vettel sul circuito di casa, errore che potrebbe costargli il mondiale

Topics

L’episodio che è andato in scena domenica pomeriggio durante il Gran Premio di Monza ha dato vita a polemiche e contro polemiche, discussioni e commenti che hanno e stanno invadendo la rete. Tra questi non passa certo inosservato quello di Nico Rosberg, che già durante la gara di ieri aveva espresso la sua opinione in merito all’incidente che ha coinvolto Sebastian Vettel e Lewis Hamilton.

Il Campione del Mondo del 2016, che ha vinto il Mondiale proprio battendo Lewis Hamilton, ha sottolineato che ciò che è accaduto in pista è derivato da un errore del pilota della Ferrari, l’ennesimo se prendiamo in considerazione l’intera stagione.

Non puoi battere Lewis Hamilton nella lotta al mondiale commettendo così tanti errori, su questo non c’è dubbio. Deve capirlo, altrimenti non otterrà mai quello che vuole.

 Insomma, non è così che si vince un Mondiale e Vettel dovrebbe saperlo o perlomeno rendersene conto. Secondo Rosberg, Hamilton è attualmente al vertice della sua carriera, tanto da essere diventato un punto di riferimento.

Tutto sta andando per il verso giusto e grazie alla vittoria di Monza, proprio sul quel circuito che per la Ferrari rappresenta il circuito di casa, si è imposto su Vettel allungando la distanza di 30 punti.

Un gap che secondo Rosberg sarà difficile da colmare se Sebastian continuerà a guidare in quel modo, correndo all’impazzata, commettendo errori, senza pensare lucidamente alla miglior strategia da mettere in pista.

Un Vettel nervoso che, secondo Rosberg, ha semplicemente fatto emergere la forza che invece caratterizza Hamilton, considerato uno dei migliori piloti attualmente in pista.

Lewis ha guida in maniera fenomenale, è per questo che è considerato uno dei migliori, uno dei migliori di tutti i tempi. Lo ha dimostrato di nuovo, anche se aveva la macchina inferiore”.

Topics
Pubblicità

Anna Vialetto

Mi chiamo Anna, ho 24 anni, laureata in Comunicazione e attualmente studentessa in Web Marketing & Digital Communication. Sono una ragazza determinata e testarda, con la passione per lo scrivere, i libri e gli anime. Nonostante le numerose cadute, cerco di trovare sempre il modo per rialzarmi e dare il meglio, per me e per la mia famiglia, punto di riferimento e fonte di ispirazione in ogni momento. La passione per la Formula 1 è iniziata circa durante gli ultimi anni dell’era Schumacher in Ferrari e, da quel momento, non mi ha più abbandonata. Il rombo dei motori, i sorpassi all’ultimo, la velocità sono tutti elementi che mi tengono incollata allo schermo e mi fanno venire la pelle d’oca. Il team a cui sono legata è Ferrari, con cui condivido gioie, dolori, rabbia, quasi come se vivessi in prima persona l’esperienza del Gran Premio: nonostante tutto, le emozioni che la scuderia e la Formula 1 riescono a regalarmi, sono qualcosa che è difficile spiegare a parole.

Altri articoli interessanti