2018Formula 1

Formula 1 | Mika Hakkinen consiglia di tornare al doppio fornitore di pneumatici per garantire più diversità di risultati

Mika Hakkinen consiglia alla Federazione di reintrodurre il doppio fornitore di pneumatici per aumentare l’imprevedibilità nelle gare

Mika Häkkinen era presente all’ultimo Gran Premio del Giappone, disputato domenica, era li per guidare una delle vetture della McLaren-Mercedes con la quale è riuscito a diventare campione del mondo. Dopo essersi chiesto cosa avrebbe cambiato l’attuale Formula 1, era chiaro, optando per una battaglia tra i fornitori di pneumatici. Sebbene sia stata sollevata pochi mesi fa, la Formula 1 avrà un solo fornitore di pneumatici almeno fino al 2024. È possibile che entro il 2020 il fornitore cambierà, essendo Hankook l’unico rivale di Pirelli ad acquisire questo ruolo, ma questo è certo che non si sfideranno in pista, come accadde fino al 2006, quando Michelin e Bridgeston fornirono le loro mescole a squadre diverse sulla griglia. Secondo Mika Häkkinen, dovrebbe cambiare questo creerebbe una nuova competizione tra i marchi favorirebbe lo spettacolo.

Quando parlo con i piloti, capisco che le gomme hanno poca vitalità, e questo va a favore dello spettacolo ed appiattisce la competizione, un fornitore diverso darebbe valori e prestazioni diverse, con una lotta anche tra fornitori. I giovani piloti che entrano in F1 fanno difficoltà perchè non ci sono i test. Secondo me, dovrebbero esserci più test in modo che i giovani possano esercitarsi e svilupparsi. Certo, influisce anche sul lato tecnico. Come sviluppi il motore e il telaio se non ti è consentito testare? Puoi usare computer e simulatori, ma non è la stessa cosa del mondo reale”.

Topics
Pubblicità

Federico Crisetti

Mi chiamo Federico Crisetti ho 24 anni, sono laureato in Informatica attualmente studente Magistrale all’Università Statale di Milano. Appassionato di sport , soprattutto di F1, seguo questo sport H24, non perdo un singolo istante di ogni weekend o evento F1, come per tutte le mie passioni dedico tutto me stesso.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close