Curiosità dalla F1

Formula 1 | Merry Christmas from Red Bull… con frecciatina agli avversari

La Red Bull ha creato una cartolina d'auguri indirizzata alla Mercedes ed alla Ferrari nella quale ha voluto ricordare alcuni fatti della passata stagione

A Holiday card from us to you! 🎅🎄 #givesyouwings

Manca ormai poco al Natale, e la Red Bull ha voluto fare gli auguri ai propri avversari con una cartolina dai toni molto… irriverenti.
Forse più che augurare buone feste, il reparto corse austriaco ha voluto ricordare alla Mercedes ed alla Ferrari alcuni fatti che li hanno visti protagonisti in pista e che hanno creato non poche polemiche nella stagione che si è appena conclusa.

Una frecciata in stile “fumetto” ma dal carattere decisamente spudorato: nel disegno, infatti, sono rappresentate le due RB12 di Max Verstappen e Daniel Ricciardo rispettivamente davanti alla W07 Hybrid ed alla SF16-H, tuttavia ciò che cattura l’attenzione è ciò che c’è scritto sugli alettoni posteriori delle monoposto “con le ali”.

Sulla prima appare la scritta “Com’è la mia guida? Chiama Jos”, in riferimento alla chiamata che Toto Wolff fece al padre di Max Verstappen per criticare la guida del figlio, ritenuta fin troppo aggressiva e che poteva mettere a repentaglio il duello mondiale tra Hamilton e Rosberg.
Sulla seconda invece domina la dicitura “Com’è la mia guida? Chiama Charlie Whiting”, che riporta in auge le lamentele rivolte da Sebastian Vettel nei confronti dell’australiano e della direzione gara nel corso del GP del Messico, seguite dalla famosa lettera di scuse rivolta al dirigente sportivo britannico.

Una cosa è certa: con questa letterina di auguri la Red Bull non ha dimenticato ciò che è successo quest’anno, e forse l’intento è di avvisare gli avversari che nella prossima stagione le “ali” le metterà per davvero. Che ne pensate?

Giulio Scrinzi

Sono nato il 21/04/1993 a Rovereto e fin da piccolo ho sempre avuto una forte passione per tutto ciò che è veloce e che ha un motore. La Formula 1 rappresenta per me un'opportunità come giornalista ma anche il sogno di una vita: diventare un pilota. I miei miti? Michael Schumacher e Ayrton Senna. Il mio motto? "Keep fighting".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button