Formula 1Presentazioni F1

Formula 1 | Mercedes spiazza tutti: via dalla livrea il colore argento?

Dai profili social Mercedes pubblica un teaser della vettura 2019 accompagnato da un messaggio criptico, tuttavia potrebbe essere stato solo uno scherzo

La Mercedes abbandonerà il classico color argento, che ha fatto ribattezzare le vetture di Stoccarda “le Frecce d’Argento”? Tramite i propri profili social, la scuderia tedesca ha pubblicato un render che dovrebbe essere riconducibile alla vettura 2019, in particolare un dettaglio dell’ala anteriore che presenta colori ben diversi dalla storica livrea che la scuderia di Stoccarda ha sfoggiato sino alla scorsa stagione.

Più precisamente la nuova colorazione è riconducibile alle tonalità del main sponsor Petronas, colori già presenti nelle stagioni passate, ma solo a livello di striature sulle pance laterali della vettura. Assieme all’immagine, il team ha voluto infittire ancor di più il mistero pubblicando all’interno del post un messaggio recitante: “L’argento fa così l’anno scorso…” accompagnato dall’hashtag #WelcomeW10.

Messaggio che però potrebbe essere solo una goliardia da parte della scuderia tedesca oppure, in una seconda ipotesi, la W10 potrebbe davvero scendere in pista con quella veste, ma soltanto nei test pre-stagionali, in quanto molto simile, se non identica, alle versioni camouflage delle vetture di serie testate su strada prima di entrare in commercio.

Questo equivoco sarà codificato il prossimo mercoledì 13 febbraio, quando la Mercedes W10 verrà svelata e finalmente potremo capire sotto quale veste: sarà stato uno scherzo goliardico o la nuova Mercedes nascerà davvero sotto una nuova veste?

Samuele Fassino

Mi chiamo Samuele, ho 19 anni. Sono un grande appassionato di motori, specie di Formula 1 nella quale spero di lavorare un giorno. Oltre ai motori le mie passioni si estendono al calcio ed alla filosofia anche se, più in generale, mi piace tenermi informato su qualsiasi tema. Sono molto determinato e cerco sempre ottenere il massimo da ogni situazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio