2018Formula 1Gran Premio Stati Uniti

Formula 1 | Magnussen e Ocon squalificati dal Gran Premio degli Stati Uniti

Kevin Magnussen della Haas e Esteban Ocon della Force India squalificati dal GP USA per scorrettezze riguardanti l’uso del carburante

Topics

Il pilota della Haas Kevin Magnussen e il pilota della Force India Esteban Ocon sono stati squalificati dal Gran Premio degli Stati Uniti dopo dei controlli da parte dei commissari di gara, a causa di problemi legati al consumo di carburante in gara che violavano i limiti imposti dalla FIA.

Iniziamo dal pilota della Haas Kevin Magnussen, che è stato squalificato dal Gran Premio degli Stati Uniti per aver consumato un quantitativo di carburante maggiore ai 105 kg consentiti durante la gara. Haas, dopo la squalifica di Grosjean al GP d’Italia potrebbe fare ricorso alla FIA anche per l’accaduto ad Austin. Magnussen aveva terminato il Gran Premio in nona posizione, ma ora è stato privato di quel risultato.

Il pilota della Force India Esteban Ocon, è stato squalificato per una violazione del limite del flusso del carburante, i commissari di gara hanno constatato che durante il primo giro la monoposto di Esteban Ocon avesse superato la portata massima di carburante che dovrebbe essere di 100 kg/h. Di conseguenza il pilota è stato privato del suo posizionamento in gara, ma se volesse il team potrebbe sporgere un’appello a tale squalifica.

Brendon Hartley e Marcus Ericsson beneficiano quindi della squalifica dei due piloti, entrando nella top 10 rispettivamente in nona e decima posizione.

Topics
Pubblicità

Ruggiero Dambra

Mi chiamo Ruggiero e sono un ragazzo di 20 anni, studente di giurisprudenza (presso l'UniBa) ma appassionato di Formula 1 fin da bambino e tifoso della Ferrari, ma quando scrivo metto da parte ogni fede e divento il più imparziale degli imparziali. Tifoso di Kimi Raikkonen e Fernando Alonso ma allo stesso momento di ogni pilota che passa sul sedile della rossa di Maranello. Il mondiale? Mi auguro che lo vinca sempre il migliore.

Altri articoli interessanti

Back to top button