2019Formula 1

Formula 1 | Louis Camilleri: “Ho molta fiducia in Binotto”

Nonostante le difficoltà del team, l’Amministratore Delegato della Ferrari conta molto sulle capacità di Mattia Binotto, sicuro che il neo team principal potrà aiutare il team a superare tutti i problemi

Topics

Louis Camilleri crede ancora nel successo della Ferrari, nonostante le difficoltà e le sfide affrontate fino a questo momento.

Per questo, l’Amministratore Delegato del team di Maranelli, ha dato fiducia a Mattia Binotto e continua a dargliela, nella speranza che il neo team principal riesca a tirare fuori il meglio dalla monoposto italiana.


Del resto, questa è la prima stagione di Binotto in Ferrari e, come è ormai evidente, i problemi affrontati dal team sono diversi e le cose non sono certamente iniziate nel migliore dei modi.

Il Mondiale è attualmente letteralmente dominato dalla Mercedes, che finora ha conquistato 5 gare su 5, lasciando la Ferrari in balia della delusione e delle scarse prestazioni.

Tuttavia, Camilleri non si scoraggia e anzi ha dichiarato di avere piena fiducia nelle capacità di Binotto e dell’intera squadra, pronto a sostenerlo in qualsiasi situazione.

Non c’è panico. Il mio compito è di evitare che si diffondano voci infondate, quindi adesso è ora di intervenire. Sono sicuro che Binotto troverà una soluzione: adesso stiamo affrontando i due giorni di test, che sono fondamentali, ma sono certo che potremmo recuperare quanto prima”.

Alla Gazzetta dello Sport, Camilleri ha voluto sottolineare il suo completo sostegno nei confronti del nuovo team principale e la sua totale fiducia nelle sue capacità e abilità, convinto che dopo i test Binotto potrà già individuare i principali problemi della vettura.

Inoltre, la prossima gara sarà il Gran Premio di Monaco, tendenzialmente una pista semplice per la Ferrari e favorevole alle prestazioni della monoposto.

La SF90, del resto, è finora apparsa sempre molto veloce lungo i rettilinei, caratteristica fondamentale sul circuito monegasco, mentre le difficoltà si fanno più evidenti sulle curve lente.

Di conseguenza, la rinascita della Rossa difficilmente andrà in scena già dalla prossima gara, perché ancora molte sono le cose su cui lavorare.

Tuttavia, secondo Camilleri, questo non deve far perdere la speranza a ingegneri, meccanici e piloti, che devono invece essere motivati a migliorare per poter tornare a essere competitivi.

Topics
Pubblicità

Anna Vialetto

Mi chiamo Anna, ho 25 anni, laureata in Comunicazione e laureanda in Web Marketing & Digital Communication. Sogno un futuro nel mondo dell'automotive, a stretto contatto con quella che è in assoluto la mia passione più grande. Sono decisa, determinata, curiosa: amo imparare e sono sempre alla ricerca di nuove sfide. La passione per la Formula 1 è iniziata circa durante gli ultimi anni dell’era Schumacher in Ferrari e, da quel momento, non mi ha più abbandonata. Il rombo dei motori, i sorpassi all’ultimo, la velocità sono tutti elementi che mi tengono incollata allo schermo e mi fanno venire la pelle d’oca.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button