2018Dichiarazioni

Formula 1 | Lewis Hamilton parla del futuro di Ricciardo

Il quattro volte campione del mondo analizza quali potrebbe essere il suo futuro in Formula 1; inoltre parla anche del futuro di Ricciardo

Topics

Il quattro volte campione del mondo non ha certamente iniziato da dominatore questa stagione di Formula 1, ma nonostante ciò è primo con 14 punti di vantaggio su Vettel.

Il futuro del campione inglese è certamente nel team tedesco, visto che non ci sono alternative. Anche se il rinnovo non stato ancora ufficializzato (si parlano di cifre quasi uguali a quelle di Vettel), sia Toto Wolff che Hamilton sono abbastanza sereni.

Il pilota che al momento è al centro del mercato piloti è Daniel Ricciardo. Il pilota austriaco ha dimostrato nel corso dell’ultima gara a Montecarlo, ma non solo, di essere un grande pilota che riesce a gestire anche le situazioni più difficili.

Ricciardo in Mercedes o Ferrari

Tra le opzioni dell’australiano per il 2019 ci sarebbero sia Ferrari che Mercedes, i quali toglierebbero il sedile ai loro due finlandesi per avere un pilota di spessore come lui. Nel corso degli giorni si sta concretizzando la possibilità che Ricciardo continui a stare a Milton Keynes anche nel 2019.

Lewis Hamilton, attraverso un’intervista rilasciata a Motorsport.com, dichiara che Ricciardo probabilmente resterà in Red Bull, anche perché in Mercedes, ad esempio, non troverebbe spazio.

“Sono ancora una squadra forte, hanno un buon potenziale e si innovano sempre. Immagino che il suo futuro sia lì, ma lui è uno dei top driver quindi sono sicuro che ci sono opzioni per lui. Ovviamente nella zona alta c’è solo Ferrari e Red Bull e Mercedes che egli potrebbe prendere in considerazione. Ma attualmente qui [Mercedes] che è improbabile. Non credo che questo accada.”

Per quanto riguarda la scuderia di Maranello, secondo Hamilton, i dirigenti starebbero pensando di rinnovare il contratto di Raikkonen per poi puntare ad un giovane (Leclerc ?)

“E se si guardasse alla Ferrari, immagino che Kimi voglia continuare.Quest’anno guida molto bene e non sembra invecchiare. Sono sicuro che andrà un po’ più a lungo”.

Max Verstappen

Lewis Hamilton parla anche dello “scomodo” compagno di squadra dell’australiano, il quale è considerato dal team austriaco la prima guida della squadra. Certamente i risultati dell’olandese non sono stati all’altezza delle aspettative, prendendosi anche alcune lezioni da Ricciardo.

Secondo l’inglese, Ricciardo dovrebbe essere il primo pilota e, se dovesse rinnovare, dovrebbe avere un’ingaggio simile a quello del giovane compagno di squadra.

“Alla fine ha un compagno di squadra che, da quello che sento, guadagna molto di più di lui eppure lui ha dimostrato di portare più volte al traguardo la macchina. In un team è importante sentirsi valorizzati in base al proprio contributo. Dovrebbe sicuramente avere il suo contratto sul tavolo e avere le sue opzioni pronte”.

Red Bull-Honda nel 2019?

Nel corso delle ultime settimane, sin da Baku, i dirigenti della Red Bull hanno parlato con quelli della Honda per iniziare una trattative per avere i motori giapponesi sulla loro monoposto. Con i motori Renault, la Red Bull paga tanto sul rettilineo e in qualifica, quando bisogna avere più potenza.

Hamilton dichiara che se Red Bull dovesse avere un motore più competitivo, sarebbe un problema per Mercedes e Ferrari, perché nelle parti guidate la scuderia austriaca va molto forte

“Se un giorno loro dovessero avere un motore più performante, ci sarebbe lotta, perché loro vanno forte sul misto” dichiara il pilota Mercedes

Infine il quattro volte campione del mondo da un consiglio a Ricciardo per il proseguo della stagione

“C’è ancora molta strada da fare in questa stagione e loro (Red Bull) potrebbero vincere molte più gare. Deve solo abbassare la testa e continuare a fare quello che sta facendo“.

Topics
Pubblicità

Nicoletta Floris

Studentessa di economia appassionata al mondo del motorsport (specialmente Formula 1 e MotoGP). Blogger della pagina Instagram laragazzadelmotorsport.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button