Formula 1

Formula 1 | Lewis Hamilton: “E’ troppo presto per dire che sarà solo una lotta a due per il titolo”

Lewis Hamilton è convinto che la rincorsa al mondiale non sarà un affare riservato solo a lui e Bottas

Nonostante le quattro doppiette nelle prime quattro gare ed un bottino di vittorie equamente diviso con il compagno di squadra, Lewis Hamilton tiene i piedi per terra ed insiste sul fatto che non sarà soltanto una lotta a due, quella per il mondiale.

Nemmeno il fatto che Vettel, terzo in campionato, sia lontano più di 30 punti, convince il 5 volte campione del mondo inglese. “E’ troppo presto per dire che sarà solo una lotta a due per il titolo. Le Ferrari lo scorso weekend hanno avuto un buon passo nelle libere ed in qualifica. Se le macchine e i piloti si fossero comportati come noi saremmo stati molto vicini.Dobbiamo ancora rimanere sulle spine. In Azerbaijan la Ferrari ha portato un grosso pacchetto di aggiornamenti, cosa che moi ancora non facciamo.” Queste le parole di Lewis Hamilton.

Certo per la stella a tre punte c’è il rischio che si verifichi un Rosberg-Hamilton bis. Il che sarebbe un guaio che costerebbe parecchi punti. E mentre Toto Wolff dichiara scongiurata tale evenienza, Lewis dichiara di non conoscere mai fino in fondo un suo rivale finchè non ci si ritrova ai ferri corti.

Non posso dirvi cosa succederà nel corso dell’anno”, ha proseguito l’ex McLaren, “Non posso giudicare se i protagonisti della lotta cambieranno o meno. I piloti del passato non si attenevano alle regole di ingaggio che abbiamo in squadra, Valtteri sì.

Il riferimento è chiaramente verso il suo ex compagno, Nico Rosberg, con cui il rapporto dal Gp di Spa del 2014, si è platealmente ghiacciato. Ma è proprio a Barcellona, prossimo appuntamento del mondiale, che è stata scritta una delle pagine più cruente del loro duello, quando entrambe le frecce d’argento conclusero la gara nella polverosa via di fuga di curva 4.

Presto per dire se anche da Lewis e Valtteri sarà visibile una cosa del genere. Ma una differenza sostanziale c’è: mentre nel triennio 2014/2016 la Mercedes non aveva rivali e poteva permettersi di lasciare qualche punto in giro, dal 2017 la Ferrari è tornata in auge. E anche se questo inizio per le Rosse è stato piuttosto deludente, la situazione non è cosi serena perchè il buon Toto Wolff dorma sonni troppo tranquilli…

Gabriele Gramigna

Mi chiamo Gabriele, sono un ragazzo molisano e studio chimica all'università di Padova. Dal 2018 scrivo per F1World, cercando di trasmettere la mia passione per la Formula 1 in tutti i miei articoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio