2018Formula 1

Formula 1 | Haas, caso Grosjean: è ufficiale, la sentenza arriverà il primo novembre

La FIA ha confermato che il ricorso della Haas, contro la squalifica di Grosjean a Monza, sarà discusso il primo novembre a Parigi

E’ stato confermato che l’appello della Haas contro la squalifica di Grosjean nel Gp d’Italia, sarà discusso il primo novembre. Per chi non lo sapesse dopo il Gp di Monza, la Renault ha fatto causa alla Haas per delle irregolarità nel fondo della vettura. In seguito al reclamo del team francese, Romain Grosjean, sesto al traguardo, è stato squalificato.

I commissari hanno accusato la Haas di aver infranto il Regolamento Tecnico inerente al raggio degli angoli principali del piano di riferimento del fondo. Subito dopo la sanzione il team italo-americano ha fatto ricorso e adesso la FIA ha ufficializzato che il caso sarà discusso presso la corte d’appello di Parigi. “Non abbiamo alcun controllo sulla decisione” , ha detto Gunther Steiner. “Puoi fare il meglio che puoi con i tuoi avvocati e il tuo personale tecnico per spiegare cosa è effettivamente accaduto. L’intero processo è nato perché hanno capito male la situazione. Ma poi, di nuovo, non sono alla Corte d’Appello, non posso decidere, quindi direi 50-50 – il caso potrebbe andare in entrambe le direzioni.”

Infine Steiner conclude dicendo: “Stiamo preparando l’appello basandoci sui motivi per cui riteniamo scorretta la squalifica. Non voglio entrare nei dettagli tecnici, perché avremo meno effetto in Corte d’Appello giocando in quella zona.” Non ci resta che aspettare il primo novembre per sapere se Grosjean riuscirà a conservare il sesto posto guadagnato a Monza. E soprattutto, visto che siamo nella settimana del Gp di Russia, la sentenza della corte di Parigi ci dirà se Sergej Sirotkin potrà conservare il suo punticino guadagnato in Italia…

Topics
Pubblicità

Gabriele Gramigna

Mi chiamo Gabriele, sono un ragazzo molisano e studio chimica all'università di Padova. Dal 2018 scrivo per F1World, cercando di trasmettere la mia passione per la Formula 1 in tutti i miei articoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close