DichiarazioniGran Premio Malesia

Formula 1 | GP Malesia 2016, Lewis Hamilton: “Devo guidare meglio stavolta”

Dopo aver ammesso i problemi sofferti durante il GP di Singapore Lewis Hamilton è pronto a sfruttare ogni giro di pista per tornare a lottare per il titolo

La sconfitta brucia, soprattutto quando entrano in gioco delle variabili impossibili da controllare.
E Lewis Hamilton lo sa, eccome!
Gli 8 punti di distacco dal nuovo leader di classifica che altri non è che il compagno di squadra Nico Rosberg non deve averli ben digeriti l’inglesino della Mercedes, tant’è che alla fatidica domanda sul come fare per ottenere di più dalla sua W07 ha risposto: “Devo solamente guidare meglio e spendere più tempo in pista, speriamo che in questo weekend non ci saranno altri problemi”.

I grattacapi a cui Hamilton si riferisce sono dovuti ad alcun guasti idraulici che gli hanno fatto perdere metà turno delle FP2 nello scorso appuntamento sul circuito del Marina Bay, i quali hanno portato di conseguenza ad evidenti lacune sul passo gara: “Ero consapevole di tutti questi difetti per cui qua a Sepang devo fare in modo di sfruttare ogni singolo giro di pista al fine di ritornare di nuovo competitivo”.

Ma le mancanze riscontrate a Singapore sono solo le ultime di una lunga serie in cui spiccano i problemi al motore in Cina ed in Russia che lo hanno privato di scatenarsi in qualifica e che lo hanno costretto a partire nelle retrovie sul circuito di Spa-Francorchamps.
Sto costantemente lottando contro tutte queste difficoltà – ammette un Lewis Hamilton solo in apparenza sconfortato – Di conseguenza sto cercando di affrontare ogni weekend di gare con positività nella speranza di poter tornare a lottare come si deve per il mio quarto titolo mondiale”.

Giulio Scrinzi

Giulio Scrinzi

Sono nato il 21/04/1993 a Rovereto e fin da piccolo ho sempre avuto una forte passione per tutto ciò che è veloce e che ha un motore. La Formula 1 rappresenta per me un'opportunità come giornalista ma anche il sogno di una vita: diventare un pilota. I miei miti? Michael Schumacher e Ayrton Senna. Il mio motto? "Keep fighting".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button