DichiarazioniGran Premio Malesia

Formula 1 | GP Malesia 2016, Kimi Raikkonen: “Peccato essere indietro”

Un deluso Kimi Raikkonen si piazza soltanto sesto sulla griglia di Sepang, anche dietro al suo compagno di box Sebastian Vettel

La Ferrari chiude un’altra disastrosa qualifica stagionale, piazzando entrambe le monoposto in terza fila con Kimi Raikkonen subito dietro il compagno di box in sesta posizione, sicuramente non è il risultato che si aspettavano gli uomini in rosso, ma oramai il dado è tratto, bisognerà ricavare il massimo dalla gara di domani che di solito è sempre ricca di colpi di scena, tra temporali e degrado gomme.

Il finlandese commenta le sue qualifiche: Ho faticato un po’ nell’ultimo giro: nell’installation lap c’era molto traffico, poi nelle prime curve del giro lanciato sono andato un po’ largo. E’ stato un giro discreto, ma è un peccato essere finiti così indietro“, sulla battaglia con la Red Bull ci va secco: “Non mi sorprendono le Red Bull davanti, era prevedibile, anche se ovviamente non avevamo idea di quello che sarebbe successo” , in ottica gara Kimi come Sebastian Vettel non si sbilancia e spera nei fattori: “Oggi il risultato è questo, domani è un altro giorno vedremo dove finiremo alla bandiera a scacchi”.

Sicuramente non è la qualifica che Iceman si aspettava, anche stavolta è costretto a rincorrere ed ha tutte le carte in regola per farlo, infatti visto il passo gara mostrato venerdì soprattutto su gomme dure, Kimi Raikkonen  è il più veloce e in linea con il ritmo tenuto da Hamilton; di certo la Red Bull non è rimasta a guardare oggi infatti con Ricciardo ha risparmiato un set di soft per la gara che li potrà permettere di essere più veloce in una sezione di gara.

Federico Crisetti

Mi chiamo Federico Crisetti ho 24 anni, sono laureato in Informatica attualmente studente Magistrale all’Università Statale di Milano. Appassionato di sport , soprattutto di F1, seguo questo sport H24, non perdo un singolo istante di ogni weekend o evento F1, come per tutte le mie passioni dedico tutto me stesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button