2017Dichiarazioni dei PilotiGran Premio Australia

Formula 1 | GP Australia, Valtteri Bottas: “Aspettative mancate ma… il potenziale per vincere c’è”

Topics

Chiunque conquistasse un terzo posto al primo GP su una macchina completamente nuova sarebbe elogiato con tante frasi di rito: buona la prima, bel lavoro…
Ma quando si tratta della squadra Campione del Mondo, la Mercedes, ed un pilota come Valtteri Bottas sul quale pesano come un macigno le aspettative in termini di performance, soprattutto se paragonate a quelle del compagno di squadra… allora il discorso cambia.

Il finlandese, al suo primo Gran Premio al volante della Freccia d’Argento di Brackley, ha colto un’ottima medaglia di bronzo che, tuttavia, non ha rispecchiato ciò che erano le attese prima della partenza. La vittoria di Sebastian Vettel e della Ferrari ha scombussolato sicuramente le carte in gioco, e le difficoltà di Lewis Hamilton hanno mostrato una W08 EQ Power+ ancora abbastanza “grezza” nello sviluppo rispetto alla monoposto di Maranello.

Mi aspettavo qualcosa di più, ma dopotutto abbiamo appena cominciato la stagione – ha commentato Bottas – Fin da subito sono rimasto sorpreso dalle prestazioni della Ferrari, nella prima parte di gara era veramente veloce e non sono riuscito a tenere lo stesso di ritmo di Hamilton e di Vettel perchè sentivo la mia vettura scivolare un po’ troppo.

Poi, quando al pit-stop sono passato sulle Soft, mi sono sentito molto meglio ed ho potuto premere a fondo l’acceleratore senza troppi problemi. Peccato per il tempo perso all’inizio, se fossi rimasto in scia alla coppia di testa forse avrei potuto giocarmi la vittoria.

Purtroppo abbiamo ancora dei problemi da risolvere – ha ammesso il pilota finlandese – Dobbiamo migliorare ogni singolo aspetto, ma ci sono ancora 19 gare in calendario quindi la strada è ancora lunga. Ed anche se oggi non abbiamo ottenuto il risultato voluto, il potenziale per vincere c’è”.

Topics
Pubblicità

Giulio Scrinzi

Sono nato il 21/04/1993 a Rovereto e fin da piccolo ho sempre avuto una forte passione per tutto ciò che è veloce e che ha un motore. La Formula 1 rappresenta per me un'opportunità come giornalista ma anche il sogno di una vita: diventare un pilota. I miei miti? Michael Schumacher e Ayrton Senna. Il mio motto? "Keep fighting".

Altri articoli interessanti