2018DichiarazioniFormula 1Gran Premio Abu Dhabi

Formula 1 | GP Abu Dhabi 2018, Renault quarta nel Costruttori, ma che paura per Hulkenberg!

Paura per il tedesco, che però esce illeso. Sainz si congeda dalla Renault col sesto posto e il team porta a casa la medaglia di legno tra i Costruttori

Chiusura agrodolce per la Renault, che da un lato conquista il quarto posto nel Costruttori (miglior risultato dal rientro in forma ufficiale nel 2016), dall’altro vive un grande spavento con il botto di Nico Hulkenberg. La posteriore destra della RS18 è finita contro l’anteriore sinistra della Haas di Grosjean, che ha agito da “trampolino” per la macchina del tedesco. La Renault si è imbizzarrita fino a terminare capovolta contro le barriere con il pilota impossibilitato ad uscire, anche a causa dell’Halo. Con l’intervento dei commissari, la RS18 è stata sistemata in modo da facilitare l’uscita di Hulkenberg, che non ha riportato alcuna conseguenza fisica.

hulkenberg abu dhabi

“È frustrante terminare così una stagione come questa – ha detto Hulkenberg – ma fortunatamente non è stato nulla di serio. È sempre spettacolare quando una macchina si capovolge, ma non è stato un impatto forte. Credo si sia trattato di un incidente di gara: non ho visto Grosjean perché pensavo avesse tagliato la chicane, invece era lì e le nostre ruote si sono toccate, causando il mio volo. Almeno posso trarre un bilancio positivo del campionato: siamo quarti nel Costruttori e io ho chiuso settimo nella classifica Piloti. Senza dubbio, è stata la mia migliore stagione”.

Tra i tanti addii della notte di Abu Dhabi, c’è stato anche quello di Carlos Sainz dalla Renault, dopo poco più di una stagione intera. Il madrileno, che l’anno prossimo sarà l’unico a difendere i colori della Spagna, si è congedato dalla Renault con un ottimo sesto posto.

“È grandioso chiudere sesto, suona come una ricompensa per la Francia e il Messico – ha commentato il figlio d’arte – Ho impresso un gran ritmo ed è un ottimo risultato chiudere così, col quarto posto nel Costruttori. Credo che questi risultati siano la prova dei grandi progressi compiuti durante l’anno. Vado via dalla Renault sentendomi maturato, ma rimarrò in questa famiglia (la McLaren di Sainz sarà infatti motorizzata con le power unit francesi n.d.r.), quindi spero di rivedere qualche amico di questo team anche l’anno prossimo”.

renault 2018

Soddisfatto anche il boss di Renault Motorsport, Cyril Abiteboul: “Abbiamo terminato la stagione in modo eccellente. Questo risultato rappresenta tutti i progressi compiuti, dunque possiamo ritenerci soddisfatti. Abbiamo avuto delle qualifiche difficili, così come i primi giri, ma poi abbiamo continuato a spingere e abbiamo adottato un’ottima strategia. Purtroppo Nico non ha concluso la gara, ma il suo contributo è stato fondamentale nell’essere arrivati fin qui. Voglio ringraziare anche Carlos: è stato un ottimo pilota per noi e gli auguro il meglio per la sua futura avventura alla McLaren”.

Topics
Pubblicità

Luca De Franceschi

Sono Luca, studio Lettere e seguo la Formula 1 da una decina d'anni. Mi sono appassionato a questo sport durante l'era dei successi di Michael Schumacher con la Ferrari, per poi assistere alle prime vittorie di Fernando Alonso, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel. A casa ho diversi DVD sulla storia di questo sport, che mi hanno fatto conoscere i piloti e le auto del passato. Ho anche la passione dei kart, sui quali ogni tanto vado a girare.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close