Curiosità dalla F1

Formula 1 | Alain Prost fa il tifo per Rosberg: “Sta facendo di tutto per vincere il titolo”

Il quattro volte campione del mondo Alain Prost si schiera dalla parte di Rosberg lasciando qualche timida speranza anche al suo compagno di squadra

Trentatrè punti cominciano ad essere importanti – rivela Alain Prost all’emittente Canal Plus – È molto meglio essere in testa al campionato con ancora quattro gare da disputare rispetto alle quattro vittorie che ha ottenuto all’inizio della stagione”.
Con queste parole il francese sostiene la posizione del tedesco della Mercedes, la migliore in assoluto per guardare il rivale con cui condivide il box attraverso gli specchietti della sua W07: “Certo è che dovrà riuscire a gestire questo suo vantaggio e per tale motivo andrà incontro ad una situazione psicologica che non è sempre facile da affrontare”.

Che si stia riferendo ai ben quattro (che strano, continua a tornare questo numero…) titoli mondiali che ha perso per un soffio?
Il pilota di Lorette, infatti, fu beffato nel 1983 da Nelson Piquet per soli due punti, l’anno successivo da Niki Lauda per ancora meno (un misero mezzo punticino) e nelle due annate del 1988 e del 1990 dal rivale di sempre Ayrton Senna rispettivamente di tre e sette lunghezze.

Ma il suo palmares di vittorie era diverso da quello attuale di Nico Rosberg: “Come fai a non essere un campione del mondo se hai già portato a casa ben nove successi?”.
Questa è la domanda che Nico spera di non dover rispondere fino alla fine della stagione – prosegue Alain Prost – Perchè il tedesco sta facendo di tutto per vincere il suo primo titolo mondiale”.

D’altro canto però il quattro volte campione del mondo sembra voler lasciare un piccolo barlume di speranza anche al suo diretto inseguitore, quel Lewis Hamilton che ha tutta l’intenzione di volersi rifare in questo finale di stagione a cui mancano solamente le scintille: “Non è mai facile amministrare un vantaggio del genere, soprattutto contro il suo rivale inglese che pensa che il mondo intero gli sia ostile  in questo momento”.
Ma mai dire mai – conclude Alain Prost – Basta un solo ritiro di Rosberg e Lewis è di nuovo della partita”.

Giulio Scrinzi

Sono nato il 21/04/1993 a Rovereto e fin da piccolo ho sempre avuto una forte passione per tutto ciò che è veloce e che ha un motore. La Formula 1 rappresenta per me un'opportunità come giornalista ma anche il sogno di una vita: diventare un pilota. I miei miti? Michael Schumacher e Ayrton Senna. Il mio motto? "Keep fighting".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button