DichiarazioniFormula 1

FIA: “Lavoriamo affinché il Covid19 non fermi la Formula 1”

Masi, direttore della Federazione, ha garantito di star facendo tutto il possibile per terminare il mondiale 2020 in totale sicurezza

Michael Masi, direttore della FIA, ha assicurato che nonostante il Covid19 il mondiale 2020 si concluderà in sicurezza

La pandemia di Coronavirus ha colpito duramente a livello mondiale l’economia e tutte le fasce della popolazione. La Formula 1 non è di certo stata risparmiata. Infatti, a poche ore dall’inizio delle prove libere in Australia, il weekend è stato annullato e lo sport è stato in sospeso fino a luglio. Per via del Covid19, la FIA ha dovuto riorganizzare il calendario del mondiale 2020 apportando numerosi cambiamenti.

Grazie al duro lavoro e ai precisi protocolli messi in atto, la Formula 1 è riuscita a ripartire. Al momento hanno corso 13 GP, all’appello ne mancherebbero solo 4: uno in Turchia e tre in Medio Oriente. Tuttavia, il Covid19 non ha mai smesso di minacciare la salute mondiale. Numerosi paesi in Europa stanno prendendo nuove misure restrittive. Ne è un esempio l’Inghilterra, che recentemente ha indetto il lockdown. Nonostante la difficile situazione, la Federazione è determinata a completare la stagione corrente nei tempi previsti  e in totale sicurezza.

FIA: “GARANTIAMO UN AMBIENTE SICURO”

Il direttore della Federazione, Michael Masi, ha garantito di star facendo tutto il possibile per non fermare precocemente il mondiale. Infatti, ha così assicurato: “La Formula 1 continuerà come abbiamo fatto quando abbiamo iniziato a guardare alla situazione e a sviluppare il ritorno dei protocolli e delle linee guida che la circondano. Continueremo a lavorare con i governi e tutte le parti interessate per garantire un ambiente sicuro per tutti i soggetti coinvolti”.

Per l’ultima parte della stagione, la FIA ha implementato i rigidi controlli per tutti i partecipanti alle gare. Al personale verrano dunque richiesti dei test prima della partenza, all’ingresso del paddock e nella giornata di sabato. Ciò perché, nonostante abbiano prestato molta attenzione, si sono comunque manifestati numerosi casi positivi. Infatti, la Racing Point è arrivata a registrarne sette; tra cui i due piloti e il proprietario Lawrance Stroll.

Chiara De Bastiani

Sono Chiara, ho 20 anni e studio scienze e tecniche psicologiche. Sono appassionata di motori e il mio amore per la Formula 1 è cresciuto piano piano insieme a me. Infatti, la seguo sin da quando ero piccolina, grazie a mio papà. Ho molte altre passioni e interessi che coltivo tra cui la danza, i viaggi, la montagna, la musica e l'arte. Sono un'inguaribile sognatrice che spera un giorno di poter lavorare in questo mondo fatto di passione, motori ed emozioni.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.