Curiosità dalla F1Formula 1

Ferrari, in pista prima degli altri

A differenza del 2022, quando la tre giorni di prove è slittata di un giorno, quest’anno dovrebbe filare tutto liscio

In attesa dell’avvio ufficiale della stagione coi test invernali, la Ferrari ha programmato una sessione di prove di tre giorni a Fiorano, noto tracciato di proprietà del Cavallino Rampante

In attesa di vedere dal vivo la monoposto che la Ferrari farà scendere in pista nella stagione 2023 di Formula 1, il Cavallino Rampante si prepara al campionato con una tre giorni di test sul circuito di Fiorano. Niente di strano perché questo era successo anche lo scorso anno.

Proprio nel mese di gennaio 2022, Leclerc, Sainz e, l’allora collaudatore Shwartzman, scesero sulla pista privata della Ferrari un giorno ciascuno. Vennero accolti dai tifosi che si erano assiepati all’esterno del tracciato.
È estremamente utile per i piloti salire in auto prima di disputare i test invernali collettivi in Bahrain. Anche se si parla di una vettura di alcuni anni fa. E, tenendo conto di come proprio Leclerc aveva cominciato il campionato di Formula 1 nel 2022, non si può dare torto alla Ferrari.

Chi guiderà la monoposto e quando

Se i piloti titolari, Leclerc e Sainz, avranno a disposizione un giorno intero di test ciascuno a Fiorano, per riprendere confidenza col volante dopo le vacanze di Natale, anche Giovinazzi e Shwartzman, si divertiranno in pista. Ma con solo una differenza: il pilota italiano e quello russo si divideranno la monoposto proprio nell’ultima giornata.

A differenza del 2022, quando la tre giorni di test a Fiorano è slittata di un giorno, quest’anno dovrebbe filare tutto liscio. I regolamenti che moderano questo tipo di eventi privati è già stato pubblicato. Le scuderie possono utilizzare vetture con un telaio vecchio di almeno due stagioni come indicato nel Regolamento Sportivo. I piloti della Ferrari, infatti, in occasione di questa tre giorni di test scenderanno in pista sul circuito di Fiorano con una SF-21 con gomme Pirelli pensate esclusivamente per questa tipologia di evento.

Test non solo per i piloti

Ovviamente anche se la motivazione principale di questa tipologia di test è far riprendere confidenza col volante ai piloti ufficiali, dopo mesi di sosta, si tratta di un’occasione da non buttare nelle ortiche anche per la squadra.
Anche se le prove non avranno finalità a livello prestazionale o tecnico, è un modo come un altro anche per permettere agli uomini della Ferrari di tornare a prendere confidenza con pista, procedure e metodologie di lavoro.

Anche se non ci sono ancora conferme, indiscrezioni lasciano intuire che Leclerc e Sainz potrebbero scendere ancora sul circuito di Fiorano su una SF-21 prima dell’avvio della stagione. Ma questa volta si parla della settimana precedente alla presentazione della Ferrari e dovrebbero guidare per mezza giornata ciascuno. Tifosi avvisati.

Eleonora Ottonello

Mi chiamo Eleonora e sono di Genova. Scrivo per passione, nella vita di tutti i giorni sono un'educatrice cinofila. Non ho paura di dire (forse è meglio dire scrivere) quello che penso. Per me la sincerità e la franchezza sono alla base di ogni rapporto umano. Sono pignola e puntigliosa ma disordinata e pasticciona allo stesso tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button