Formula 1Motorsport

Davide Brivio dalla MotoGP alla Formula 1: sarà in Alpine

Il manager italiano occuperà una posizione di rilievo all’interno della scuderia francese

Brivio, dopo il successo in MotoGP, cambia settore: l’accordo con Alpine sembra essere stato finalizzato, ma ancora non ci sono conferme del suo ruolo

Il 2021 si apre con un colpo di scena davvero notevole. L’italiano Davide Brivio, team principal di Suzuki e Campione del Mondo uscente con Joan Mir in MotoGP fa il suo ingresso nel Circus con Alpine. Brianzolo, 57 anni, la sua passione per i motori lo ha portato nella Classe Regina delle due ruote nel 2002. Determinante è stato il suo ruolo nel 2004, nel passaggio di Valentino Rossi da Honda a Yamaha. Rossi che portò alla Yamaha, poi, ben quattro titoli mondiali, prima di intraprendere la via della Ducati nel 2011. 

Nuova sfida per Brivio con l’arrivo del team Suzuki in MotoGP nel lontano 2014. Dopo un periodo buio del team nipponico, senza vittorie, è stato assunto proprio il brianzolo per cercare di riportare la squadra al top della categoria. E già dall’anno successivo, il 2015, con il debutto dello spagnolo Joan Mir, si sarebbe dovuto capire che l’italiano possedeva delle brillanti doti ed un ottimo “fiuto per il campione”. Obiettivo chiaramente raggiunto durante questi anni, con la vittoria del Campionato Mondiale nel 2020, proprio con il giovane Mir in squadra. 

UN PASSAGGIO NOTEVOLE

Dalla Suzuki, comunicano ufficialmente l’addio dell’italiano. È, dunque, spianata la strada di Brivio in Formula 1. Con il passaggio in Alpine, l’italiano potrebbe assumere diversi ruoli di rilievo. O come amministratore delegato, al posto di Cyril Abiteboul, che comunque tecnicamente rimarrebbe nell’orbita Alpine, o come team principal. Tuttavia, non sono ancora arrivate notizie certe riguardo il suddetto ruolo. 

Figura chiave in questo passaggio è De Meo. L’amministratore delegato designato della ex Renault, ha voluto promuovere sin da subito un gran cambiamento nella scuderia francese. Per De Meo, Brivio è una vecchia conoscenza: egli era, infatti, capo del marketing di Fiat quando il grande marchio piemontese era uno degli sponsor presenti sulla Yamaha di Rossi. Le qualità di Brivio non sono passate inosservate. 

E dunque, una nuova sfida si concretizza nelle mani di Davide Brivio, dalla Suzuki di MotoGP all’Alpine di Formula 1. Colui che è riuscito a prendere le redini di una squadra perdente, riuscendo a trasformarla in una vincente nel giro di poche stagioni. Ora, tocca ancora lui agire, ma sulle quattro ruote. Una sfida non da poco, ma che senza dubbi, saprà gestire al meglio. 

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.