Formula 1Gran Premio Ungheria

Covid-19: l’Ungheria inasprisce le misure di sicurezza

In vista del Gran Premio all’Hungaroring di domenica 19 luglio vengono rafforzate le misure anti Coronavirus

Con una pandemia di Covid-19 non ancora debellata, il livello di sicurezza in Formula 1 non deve essere mai sottovalutato

Il mondo della Formula 1 non si ferma nonostante la pandemia di Covid-19 non si sia ancora esaurita. I primi due weekend di gare in Austria si sono svolti nella sicurezza più completa, sia per lo staff, sia per i piloti. Ora che il Circus cambierà location e nazione per il GP di Ungheria di domenica 19 luglio, le misure di sicurezza verranno rafforzate. 

Il governo ungherese ha decretato che tutti i cittadini extracomunitari, ed in particolare britannici, che fanno parte del paddock di Formula 1 dovranno rimanere sempre confinati nei limiti della pista o nei rispettivi hotel. Il provvedimento è di vasta portata, ed interessa numerosi team. Infatti, ben sette squadre hanno sede nel Regno Unito e la maggior parte del loro personale è di origine britannica.

Ai cittadini di paesi terzi e britannici sarà, inoltre, vietato utilizzare i mezzi pubblici, chiamare un taxi e recarsi in un ristorante. Tutte azioni che, di norma, i piloti potevano compiere in tutta tranquillità. In caso di violazione delle misure anti Covid-19 presentate sopra, i trasgressori saranno multati con 15.000€ di ammenda.

“È IMPORTANTE PROTEGGERE TUTTI”

Tra i diretti interessati ci sono i britannici Lewis Hamilton, tornato sul podio ieri, George Russell e Lando Norris. Quest’ultimo, intervistato sabato dopo le qualifiche, ha affermato: “Non sarà difficile rispettare tutte le norme anti Covid-19. Non ho indagato troppo, ma so che staremo solo nel circuito o in hotel. Non ho problemi a stare in hotel, sono molto a mio agio con il servizio in camera e con Netflix”. 

Anche il suo boss, Andreas Seidl, è intervenuto: “A dire il vero, non credo sia assolutamente un problema. Abbiamo bisogno di misure che siano chiare e per tutto il team. A Budapest staremo solo in due luoghi: l’hotel e il circuito. È importante proteggere tutti, piloti e dipendenti. Faremo tutto il necessario”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.