DichiarazioniEventiFormula 1

Caschi d’oro 2020, Giovinazzi: “Combattere per la top-ten”

Il pilota italiano snoda la sua intervista su molteplici argomenti, soffermandosi tra passato e futuro e glissando sulla lotta interna tra Sainz e Leclerc

Casco d’oro speciale anche per Antonio Giovinazzi, incalzato dalle domande di Andrea Cordovani, direttore di “Autosprint” e Mario Donnini, firma d’autore del giornale, ai “Caschi d’oro 2020”

Mario Donnini, Andrea Cordovani e Federica Masolin accolgono il pilota dell’Alfa Romeo nello studio tv del giornale per omaggiarlo di un premio speciale per la stagione segnata dalla pandemia. Uno dei “Caschi d’oro 2020” è anche per Antonio Giovinazzi, che snoda la propria intervista su molteplici argomenti: tra passato e futuro, senza sbilanciarsi troppo sulla lotta interna tra Sainz e Leclerc, concludendo elogiando Hamilton.

IERI E DOMANI

“Sono contento di me stesso, mi sono migliorato come pilota ed era quello per cui ho lavorato molto durante il lockdown. E’ stata una stagione particolare, i primi punti in Austria, i punti in Germania o a Imola. Anche la Q3 in Turchia, in condizioni difficili, abbiamo ottenuto un risultato inaspettato”, ha detto il pilota di Martina Franca.

Uno sguardo ovviamente a ciò che verrà, la stagione 2021: “Manca poco al Bahrain, dobbiamo cercare di combattere per andare a punti e stare sempre più nella top-ten. Da chi mi aspetto di più? Da Perez in Red-Bull, mi incuriosisce il confronto con Verstappen. E anche il passaggio di Vettel in Aston Martin sarà curioso. Sarà un anno pieno di sorprese. Noi abbiamo mantenuto la stessa line-up, e ciò può solo permetterci di lavorare più velocemente”.

FERRARI E HAMILTON

Giovinazzi glissa invece sulla sfida ferrarista tra Sainz e Leclerc: “Vedremo, non mi concentrerò molto su di loro, perché voglio pensare a me stesso e cercare insieme a Kimi di portare più punti a casa. La sfida tra Carlos e Charles è più per i tifosi, io faccio parte della Formula 1 e devo concentrarmi su me stesso”. Essere contemporanei a Hamilton, fa un certo effetto a Giovinazzi?

“Era inimmaginabile facesse meglio di Schumacher, ma sono tanti anni che lui domina e la Mercedes domina, per cui è bello far parte di questo periodo della Formula 1. Hamilton ha dimostrato di avere tanta velocità e costanza, portando sempre la vettura a punti anche in condizioni difficili come in Turchia, una delle gare più belle che ha fatto. E’ un pilota fortissimo, si merita tutto ciò che ha fatto e farà, è un pilota da cui hai solo da imparareha così concluso Giovinazzi ai “Caschi d’oro 2020”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.