DichiarazioniFormula 1

Carlos Sainz e il confronto Ferrari – McLaren

Il pilota spagnolo, neo assunto in casa a Maranello, ha utilizzato una metafora calcistica per spiegare la sua visione di come le due scuderie stiano affrontando il dominio Mercedes

Bayer Monaco, Real Madrid e Barcellona sarebbero secondo il pilota i perfetti paragoni calcistici di Mercedes, Ferrari e McLaren

Che la lotta contro la supremazia delle Frecce d’Argento sia attiva all’interno di ciascuna scuderia, è ormai chiaro. Ognuno dei team presenti sulla griglia di partenza, a modo suo, sta cercando la strategia più giusta per abbattere il dominio Mercedes. Secondo Carlos Sainz, tuttavia, per capire meglio come si stanno comportando le diverse squadre, è più semplice utilizzare una metafora calcistica. Quindi: se la Mercedes è il Bayern Monaco, allora Ferrari e McLaren rappresentano rispettivamente Real Madrid e Barcellona.

Secondo Sainz, che ha da poco detto addio alla scuderia di Woking per trasferirsi a Maranello, tutte le squadre citate hanno alle loro spalle la storia e il pedigree per essere dei giganti. E lo stesso vale per i team di Formula 1. Lo spagnolo, infatti, ha ammesso di aver lasciato una dei migliori team nella storia del Circus, con la quale è cresciuto e ha imparato molto. Ora, però, unendosi alla scuderia italiana ha messo piede in quella che, secondo la sua visione, è l’esatto esempio del Real Madrid.

CONFRONTO FERRARI – MCLAREN

È un modo di dire” ha dichiarato Sainz in un’intervista ad AS. “Ma la McLaren può ben rappresentare il Barça, che è comunque un’ottima squadra. Non si possono fare paragoni, perché entrambe le squadre sono in una fase di ristrutturazione, per cercare di combattere la Mercedes. Ma sono le due migliori scuderie della storia e quando passi dall’una all’altra significa che stai facendo qualcosa di giusto in Formula 1“.

E, proprio per questo motivo, Sainz è molto ottimista nei confronti di ciò che potrà costruire con la Ferrari. L’idea, come lui stesso ha dichiarato, è quella di creare un clima simile a quello vissuto in McLaren. Un clima caloroso, avvolgente, dinamico. “Il fatto che sia riuscito a farlo in McLaren non significa che riuscirò a farlo anche in Ferrari“, ha però sottolineato, consapevole delle dinamiche particolari che possono essere vissute all’interno del team di Maranello.

Posso farlo” ha poi continuato. “Mi piace Binotto e mi piace quello che vedo, quello di cui abbiamo parlato. Non ci sono state esitazioni quando si è trattato di firmare il contratto e andare avanti. Nella mia testa, non vedo perché non possa essere creato questo tipo di ambiente anche in Ferrari. […] Devo analizzare e capire la situazione, e contribuire con la mia conoscenza, con il mio modo di fare le cose. Una squadra è composta da mille persone e il pilota non può che mettere talento e velocità in direzione dello sviluppo della squadra. Ma che la macchina sia veloce, non dipende solo dal pilota“.

Anna Vialetto

Anna è sinonimo di determinazione, concentrazione e curiosità. Ho sempre studiato e lavorato per rincorrere e realizzare i miei sogni, con l'obiettivo di concretizzarli in quella che è la mia più grande passione: l'automotive. La Formula 1 per me è parte integrante della mia personalità: il rombo dei motori, i sorpassi all’ultimo centimetro, la velocità delle monoposto. Ma soprattutto, tutto il mondo che sta dietro allo spettacolo in pista: l'organizzazione, la comunicazione, il marketing, l'energia...la stessa che, fin da quand'ero bambina, mi ha portata a coltivare questo grande amore.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.