Formula 1Gran Premio BrasileGran Premio Canada

Canada e Brasile a rischio: Liberty Media pensa al piano B

A causa della pandemia di Covid-19, Formula 1 sta pensando ad un piano alternativo per organizzare tempestivamente il calendario

Liberty Media sta pensando a tappe in Turchia e Bahrain in sostituzione alle gare in Canada ed in Brasile

 

La pandemia di Covid-19 sembra non voler rallentare, né tantomeno fermarsi. Nonostante tutto, Liberty Media è riuscita, per la stagione 2021, ad organizzare un calendario molto fitto. Tra le tappe, sono attualmente previste gare in Europa, in Medioriente, in Asia ed oltre oceano, in Australia, America e Sud America. Attualmente, i Gran Premi di Canada e Brasile sembrano essere a rischio. Soluzione? Si pensa alla sostituzione con Turchia e Bahrain. 

Non ci sono ancora comunicazioni ufficiali, ma Liberty Media sta di sicuro pensando ad un piano B, ad un’alternativa pratica per essere il più organizzati possibile. E la miglior soluzione per poter sostituire in modo celere queste due tappe in calendario sarebbe l’inserimento di gare in Turchia (all’Istanbul Park) e di nuovo in Bahrain (sul circuito del GP di Sakhir). 

PRATICITA’ E DECISIONI DA PRENDERE

 

Queste sostituzioni sono state pensate anche, e soprattutto, in veste pratica. Con un eventuale GP di Turchia in sostituzione al GP del Canada, gli spostamenti sarebbero minimi (considerando che la tappa precedente sarebbe a Baku). Il GP del Bahrain in sostituzione al GP del Brasile, invece, sarebbe comodo in vista delle due tappe finali in Arabia Saudita e ad Abu Dhabi (contando comunque il GP di Australia nel mezzo). Così facendo, si alleggerirebbe notevolmente la logistica degli spostamenti. 

Se le decisioni riguardo la tappa brasiliana potranno essere prese in futuro, quelle per la tappa canadese non tarderanno ad arrivare. Dovrebbe essere il GP di Spagna, previsto per il weekend del 9 maggio, a fare da spartiacque riguardo la conferma del Gran Premio canadese o il suo spostamento in Turchia. Non ci resta che attendere notizie certe ed ufficiali a riguardo. Il tutto, nella speranza di tornare ad una tanto desiderata quanto necessaria normalità. 

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.