DichiarazioniFormula 1

Boullier: “Grosjean avrebbe meritato di vincere una gara”

L’ex team principal della Lotus ha ammesso che il pilota francese avrebbe meritato di vincere almeno una gara in Formula 1

Boullier ha affermato che il pilota francese Romain Grosjean avrebbe meritato di vincere almeno una gara in Formula 1

Grosjean ha fatto il suo debutto nella Categoria Regina con la Renault nel 2009, prima di essere retrocesso in GP2 e Auto GP. Solo dopo aver vinto entrambi i campionati è riuscito a tornare in Formula 1. Nel 2012 ha avuto una seconda possibilità in Lotus con Kimi Raikkonen come compagno di squadra. Ha poi deciso di cambiare team, trasferendosi nel 2016 alla Haas. Dopo 5 stagioni corse insieme, il team americano si separerà da Grosjean a fino anno.

Nella sua carriera in Formula 1 ha conquistato 10 podi, senza però mai riuscire a vincere una gara. Il miglior risultato in assoluto sono stati due secondi posti, ottenuti al GP del Canada 2012 e l’anno successivo al GP degli Stati Uniti d’America.

BOULLIER: “ GROSJEAN ERA BRAVO E AVREBBE POTUTO VINCERE”

Recentemente, l’ex team principal della Lotus ha speso belle parole per il pilota francese. Infatti, ha spiegato che Grosjean avrebbe potuto vincere più di una gara grazie al suo talento. “Era abbastanza bravo e in realtà avrebbe potuto vincere qualche gara. Ha conquistato abbastanza podi per dimostrare di avere il potenziale per vincere”, ha dichiarato Boullier nell’ultima edizione del podcast Beyond The Grid.

Ha poi aggiunto: “Penso che Romain abbia le capacità di vincere una gara. Ha vinto campionati in ogni categoria in cui ha corso prima della Formula 1. Ma la Formula 1 è più complicata perché bisogna gestire la pressione e radunare le persone intorno a sé. Bisogna essere nella squadra giusta, con il motore giusto, al momento giusto”.

LOTUS: RAIKKONEN VS GROSJEAN

Durante i 5 anni trascorsi in Haas, Grosjean non ha mai avuto l’occasione di vincere una gara. Le “cartucce buone” le ha giocate con la Lotus. Infatti, in quegli anni il team britannico gli ha permesso di lottare per le prime posizioni e di ottenere tutti i podi che ha conquistato in carriera. Purtroppo però, a differenza del suo ex compagno di squadra, non è mai riuscito a salire sul gradino più alto del podio.

Boullier ha così spiegato: “Se guardi agli anni 2012 e 2013 Kimi è stato davvero speciale per il team. Ha fatto lavorare la squadra e ha ottenuto più risultati. Ha collezionato più podi e due vittorie. Kimi è abile e assolutamente incredibile. Ha avuto la capacità di tener tutto sotto controllo durante le gare. Romain a quei tempi era giovane, e questo va considerato”.

“Penso che Grosjean debba avere più controllo. Per diventare campione del mondo bisogna avere tutto a posto. La velocità l’ha sempre avuta, ma in quel momento non ha potuto mostrarlo perché forse era troppo prematuro per lui. Poi ha cambiato squadra e non ha più avuto la possibilità di salire sul podio. Ha comunque fatto gare fantastiche in Haas, conquistando anche moltissimi punti”, ha così concluso.

Chiara De Bastiani

Sono Chiara, ho 20 anni e studio scienze e tecniche psicologiche. Sono appassionata di motori e il mio amore per la Formula 1 è cresciuto piano piano insieme a me. Infatti, la seguo sin da quando ero piccolina, grazie a mio papà. Ho molte altre passioni e interessi che coltivo tra cui la danza, i viaggi, la montagna, la musica e l'arte. Sono un'inguaribile sognatrice che spera un giorno di poter lavorare in questo mondo fatto di passione, motori ed emozioni.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.