DichiarazioniFormula 1Gran Premio Russia

Bottas: “Buona posizione di partenza. Tutto è ancora aperto”

Il pilota finlandese si è dovuto accontentare della terza posizione, alle spalle di Hamilton e Verstappen

Dopo aver dominato la giornata del venerdì Valtteri Bottas non è riuscito a conquistare la Pole Position del Gran Premio di Russia

Valtteri Bottas si è dovuto accontentare della terza posizione in griglia di partenza. Dopo aver dominato la giornata del venerdì il finlandese non è riuscito a trovare il giro giusto nella Q3, venendo battuto sia da Hamilton che da Verstappen. Ciononostante il pilota Mercedes non si butta giù e dice che tutto è ancora aperto.

“Sono andato bene per tutto il weekend, avevo un bel passo. In Q1 e Q2 sono andato bene. Nel Q3 pensavo di aver guadagnato in alcuni punti ma evidentemente c’era ancora margine. Qui è dura trovare la giusta temperatura delle gomme. Nel primo tentativo del Q3 avevo le gomme troppo fredde e poi nel secondo pensavo di essere andato più veloce. Non so, abbiamo dei punti interrogativi. Ma è comunque una buona posizione di partenza e avrò le giuste gomme. Una volta sono partito terzo qui e alla fine sono riuscito a vincere. Cercherò di ripetermi. Penso di avere un bel vantaggio nel primo stint partendo con le Medium. C’è ancora tutto in gioco”,  così ha dichiarato Valtteri Bottas intervistato da Stoffel Vandoorne.

Col rettilineo di Sochi Bottas potrà sfruttare la scia nei primi metri, sperando di trovarsi al comando come fatto da Sebastian Vettel nella scorsa stagione. Sarà fondamentale capire quanto influirà il degrado degli pneumatici, dal momento che i due alfieri Mercedes hanno optato per una strategia diversificata. Hamilton partirà con la gomma rossa, Bottas invece con la gialla.  Alcuni dei punti di interesse di una gara che si preannuncia apertissima.

Pubblicità

Danilo Tabbone

Mi chiamo Danilo, ho 20 anni, vengo dalla Sicilia e studio all'Università di Palermo. La Formula 1 è la mia più grande passione, la seguo da quando ero bambino, e le emozioni che mi suscita sono parte integrante della mia personalità. Dal 2020 scrivo per F1world.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button