DichiarazioniFormula 1Mercato Piloti F1

Binotto: “Nessun rimpianto per non aver preso Hamilton”

Sebbene ci siano stati dei contatti con l’inglese, il team principal del Cavallino è felice dei suoi piloti

Lewis in Rosso: una prospettiva sognata da molti, ma ormai irrealizzabile

I presunti contatti tra Hamilton e la Ferrari sono spesso stato oggetto di speculazioni da parte di media e appassionati. Per molti Lewis e la Rossa sono due mondi paralleli destinati a non incontrarsi mai, per tanti altri invece l’inglese sarebbe stato perfetto per il dopo Vettel. Alla fine però il tedesco è stato sostituito da Carlos Sainz, con Hamilton mai realmente vicino a Maranello.

Mattia Binotto, team principal della Scuderia, però, ammette di non aver rimpianti nel non aver attratto Lewis Hamilton. Tuttavia al termine del 2019 il Cavallino aveva provato a bussare alla porta del pluricampione del mondo, senza ricevere però risposte positive. Non credo che ce ne pentiremo. Le decisioni che prendiamo vengono prese pensando che siano le migliori per noi. Abbiamo un pilota fantastico come Charles e ha sicuramente molto talento. Se ha la macchina giusta sono sicuro che se la potrà giocare con Lewis”, ha ammesso Mattia Binotto ai microfoni di Sky Sports F1.

L’ingegnere reggiano ha tanta fiducia nei suoi piloti e ha ribadito che almeno all’inizio non ci saranno gerarchie prestabilite. “Quest’anno avremo una coppia molto giovane, la più giovane alla Ferrari dal 1968. Charles e Carlos sono molto forti e hanno molto talento. Non ci saranno né un numero uno né un numero due, avranno le stesse opportunità all’ inizio della stagione. Sono contento che abbiano la libertà di combattere“, ha spiegato.

VETTEL: MOMENTO DI VOLTARE PAGINA

Nell’intervista è stato toccato anche il capitolo Vettel. Per Binotto, non è stato facile fare quella telefonata, ma era evidente che fosse il punto di voltare pagina. “Sebastian è un grande pilota e una grande persona. Abbiamo vissuto grandi momenti insieme, ma penso che fosse ora di prendere una decisione diversa e andare avanti”.

Nel 2021, a Maranello, non si aspettano grosse novità, sarà piuttosto un anno di transizione in attesa del 2022 e dei nuovi regolamenti. Una stagione come quella del 2020 però è irripetibile, l’obiettivo sarà quello di tornare, quantomeno, a lottare per i podi.

Pubblicità

Gabriele Gramigna

Mi chiamo Gabriele, sono un ragazzo molisano e studio chimica all'università di Padova. Dal 2018 scrivo per F1World, cercando di trasmettere la mia passione per la Formula 1 in tutti i miei articoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.

Utilizziamo servizi di terze parti per analizzare il traffico sul nostro sito e restare in contatto con i nostri visitatori. Vengono quindi trattati dati anonimi di navigazione e altri dati simili per mezzo di cookie, come indicato nelle nostre policy. Accettando l’uso dei cookie ci aiuti ad offrirti un’esperienza migliore con i nostri servizi.