DichiarazioniFormula 1Test Bahrain

Binotto: “La velocità in rettilineo non è più un problema”

Il team principal della Ferrari ha espresso le sue impressioni su questa tre giorni di test in Bahrain

Binotto ritiene che quello della velocità sul rettilineo sia un problema ormai superato con la nuova SF21

Durante la tre giorni di test in Bahrein la nuova SF21 ha dovuto fare i conti con le prime risposte della pista. E alla conclusione del primo giorno di scuola per la nuova monoposto Mattia Binotto, team principal della Ferrari, ha rilasciato le sue dichiarazioni. Da Maranello si dichiarano alle porte per la prossima stagione, con l’obiettivo di riscattare le cocenti delusioni del 2020 e tornare in lotta per le prime posizioni.

“Sapevamo che con soli tre giorni a disposizione questi test sarebbero stati molto impegnativi, e così è stato. Abbiamo raccolto molti dati e adesso dovremmo analizzarli per capire le variazioni tra i riscontri della pista e quelli della galleria del vento. Quando abbiamo corso su questa pista lo scorso anno siamo stati molto lenti in rettilineo, con il risultato che non siamo entrati in Q3. Se valutiamo i primi dati direi che va meglio. Oggi riteniamo che la velocità in rettilineo non sia più un problema.”, ha dichiarato Binotto ai microfoni di Motorsport.com

“In questi tre giorni ci siamo concentrati soprattutto su noi stessi, e trovo difficile confrontarci con gli altri non potendo conoscere il loro programma di lavoro. Ogni singola squadra cercherà di ottimizzare il pacchetto da qui all’inizio della stagione, sfruttando i dati che hanno raccolto. Per i confronti dobbiamo attendere ancora due settimane, e le prime gare della stagione“, ha proseguito il Team Principal Binotto.

“Siamo all’inizio di una nuova stagione, con una monoposto diversa, e nuove speranze. Con l’arrivo di Carlos abbiamo a disposizione una coppia di piloti giovani, ma allo stesso tempo esperta. Si stanno adattando bene tra di loro sia dentro che fuori la pista, cercando di creare un’atmosfera positiva all’interno della Scuderia. Sappiamo che sarà una stagione lunga, con 23 gare, e quindi potrebbero esserci delle difficoltà. Dobbiamo essere preparati e concentrati sul nostro obiettivo a lungo termine, senza mai dimenticarlo”, ha quindi concluso.

Danilo Tabbone

Mi chiamo Danilo, ho 20 anni, vengo dalla Sicilia e studio all'Università di Palermo. La Formula 1 è la mia più grande passione, la seguo da quando ero bambino, e le emozioni che mi suscita sono parte integrante della mia personalità. Dal 2020 scrivo per F1world.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.