Formula 1Gran Premio Azerbaijan

Azerbaijan GP: Alonso pronto a battere il record di Schumacher

Sul circuito cittadino di Baku, lo spagnolo festeggerà un importante traguardo nella sua carriera, battendo il record di Schumacher

In Azerbaijan Alonso diventerà il pilota con la carriera più longeva nella storia della Formula 1, battendo il record di Michael Schumacher

Questo weekend, il Circus farà ritorno tra le strade cittadine di Baku. Questa volta, però, sotto i riflettori non ci saranno solo i piloti che si contendo il titolo mondiale, ma un posto speciale è riservato ad Alonso. Infatti, questa domenica il pilota spagnolo festeggerà un importante traguardo della sua carriera. Saranno esattamente 21 anni, tre mesi e otto giorni dal suo debutto nella Massima Serie durante il GP d’Australia del 2001. Ciò significa che durante il GP d’Azerbaijan Alonso diventarà il pilota con la carriera più longeva nella storia della Formula 1, battendo il precedente record di Michael Schumacher di 21 anni e tre mesi.

Alonso ha debuttato con il team italiano Minardi, per passare poi alla Renault con la quale riuscì a coronare il sogno di diventare due volte Campione del Mondo. Dopo il successo ottenuto con il team francese, nel 2007 si unito alla McLaren per poi fare ritorno in Renault. Nel 2010, invece, è approdato in Ferrari, con l’obiettivo di riportare il titolo a Maranello. Dopo quattro stagioni in rosso, ha poi deciso di iniziare una nuova avventura con il team di Woking. Alla fine del 2018, ha annunciato il suo ritiro dalla Formula 1, per dedicarsi ad altre competizioni del Motorsport. Alonso ha poi fatto ritorno in Formula 1 con l’Alpine, per la quale corre dalla passata stagione.

AZERBAIJAN GP: UNA GARA IMPREVEDIBILE

Per la sesta volta nella storia di questo sport, il Circus farà tappa a Baku. Le famose stradine cittadine da sempre mettono a dura prova i piloti, che devono sfecciare tra i muri, cercando il limite, attenti a non superarlo. L’Azerbaijan GP spesso è caratterizzato da numerosi imprevisti che regalano podi inaspettati.

Ripensiamo per esempio all’edizione 2017, quando Stroll ha conquistato il suo primo podio in carriera. Invece, l’anno scorso sono saliti a podio Vettel e Gasly che hanno approfittato della foratura di Verstappen e dell’incidente di Hamilton in partenza. Anche l’appuntamento di domenica si preannuncia ricco di possibili sorprese dovute all’adattamento delle nuove monoposto alla pista.

Chiara De Bastiani

Sono Chiara, ho 20 anni e studio scienze e tecniche psicologiche. Sono appassionata di motori e il mio amore per la Formula 1 è cresciuto piano piano insieme a me. Infatti, la seguo sin da quando ero piccolina, grazie a mio papà. Ho molte altre passioni e interessi che coltivo tra cui la danza, i viaggi, la montagna, la musica e l'arte. Sono un'inguaribile sognatrice che spera un giorno di poter lavorare in questo mondo fatto di passione, motori ed emozioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button