DichiarazioniFormula 1Gran Premio Russia

Aumentano i casi di Covid-19: la Formula 1 nega allarmismi

La scorsa settimana sono stati rilevati 7 nuovi casi di Covid-19 in Formula 1. E’ il più alto dato dall’inizio del Mondiale 2020

Tra i nuovi contagiati figurano il conduttore sportivo Will Buxton e il personale delle pulizie e del catering.

Poco prima del Gran Premio di Russia la Formula 1 ha dichiarato che nell’ultima settimana sono stati rilevati 7 nuovi casi di Covid-19. La categoria nega qualsiasi allarmismo e dichiara anzi la prevedibilità di questo andamento. La Formula 1 confida nell’efficacia del protocollo affermando la sua corretta applicazione e l’isolamento di tutti i positivi accertati fin’ora. Tra i nuovi contagiati risulta tra l’altro il conduttore sportivo Will Buxton.

Tuttavia, l’ultimo Gran Premio ha fatto storcere il naso a non pochi. L’evento russo ha accolto il più alto numero di spettatori dall’inizio del Mondiale (più di 30.000). Tra gli spalti non vi era nessun distanziamento sociale tra il pubblico, in un paese (la Russia) che registra i più alti casi di Covid-19 in Europa. Ma la vera sfida per la massima categoria automobilistica sarà per il Gran Premio di Turchia dove sono previsti circa 100.000 spettatori.

Dall’inizio del Mondiale 2020 di Formula 1, i positivi al Covid-19 ammontano a 16. Tra i piloti l’unico caso fin’ora accertato riguarda Sergio Perez, il quale ha dovuto saltare due appuntamenti del calendario. C’è da dire che tutto il personale legato alla Formula 1 viene testato ogni cinque giorni per evitare che si possa diffondere il virus e che si possa creare un eventuale focolaio.

SITUAZIONE SOTTO CONTROLLO

L’efficacia del protocollo della Formula 1 è riscontrabile nei fatti. Fin’ora il numero di contagiati all’interno del Circus è stato decisamente basso ed inoltre ha consentito il corretto svolgimento degli eventi al netto di nuovi casi Covid-19. “I protocolli di sicurezza della Formula 1 e della FIA funzionano in modo molto efficace, inclusi test, monitoraggio e altre misure per garantire la distanza fisica”, ha dichiarato un portavoce della Formula 1 al portale GP Fans.

Non c’è mai zero rischio di Covid-19 ovunque nella società e noi ci assicuriamo di mitigare qualsiasi rischio. Abbiamo sempre detto che ci saranno dei positivi e abbiamo dimostrato che quando si verificano possiamo gestire la situazione in sicurezza senza interrompere un evento“, ha aggiunto.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button