Curiosità dalla F1Formula 1

Arriva l’annuncio: U-Mask vietate e la Ferrari si adegua

Il Ministero della Salute italiano sentenzia sulle famose mascherine utilizzate anche dai team di Formula 1 e la scuderia di Maranello cambia i piani per adeguarsi

Le U-Mask che tanto hanno fatto discutere sono ufficialmente vietate dallo stato italiano e anche la Ferrari dovrà adeguarsi alle nuove norme

La scuderia Ferrari dovrà ufficialmente cambiare i propri piani dopo che le U-Mask 2.0 sono state vietate dallo stato italiano. In un primo momento queste particolari mascherine promettevano di filtrare l’aria in un modo superiore rispetto a quelle reperibili comunemente nelle farmacie. Tanto da essere utilizzate per tutta la stagione del 2020 dalla maggior parte dei team di Formula 1. Ma il Ministero della Salute, dopo accurate verifiche e alcuni servizi televisivi a riguardo, ha ritenuto opportuno vietarne la vendita. 

Il divieto ha validità dal 27 marzo 2021, ma il team di Maranello ha potuto utilizzare le mascherine anche durante il Gran Premio del Bahrain grazie ai cinque giorni di proroga disponibili per permettere a tutti di adeguarsi. Attualmente la scuderia italiana dispone di uno staff piuttosto cospicuo durante il weekend di gara, e molti di loro utilizzano due mascherine al giorno. Riuscire ad adattarsi alle nuove norme in una sola giornata era praticamente impossibile. Ma ora che i cinque giorni a disposizione sono praticamente al termine avranno bisogno di un nuovo fornitore, del quale non si sa ancora nulla.

PRIORITÀ

In questo periodo molto particolare la salute è senza alcun dubbio la priorità assoluta. Difatti, durante lo scorso Gran Premio lo stato del Bahrain ha messo a disposizione la vaccinazione prioritaria per tutti i membri della Formula 1. Nonostante il consiglio del presidente della classe regina che aveva suggerito di aspettare le liste di attesa dei propri paesi, molti team hanno deciso di usufruire di questa occasione. Tra questi ultimi anche Carlos Sainz, mentre Charles Leclerc, che è venuto a contatto con il virus questo inverno, non ha potuto avvalersene.

Ma se la salute è una priorità perché potremmo continuare a vedere altri team che utilizzano le stesse mascherine? Perché esse non sono vietate in tutti gli stati e ogni scuderia si avvale delle direttive indicate dalla propria nazione. Non è però detto che, dopo quanto scoperto, anche il resto del Motorsport non decida di adeguarsi a sua volta. Senza alcun dubbio trovare un’alternativa che coincida in egual modo con sicurezza ed estetica non sarà facile, ma ne varrà la pena per la salute.

Federica Montalbano

Sono Federica, una ragazza palermitana con la passione per la scrittura e lo sport. Mi definisco una persona timida ma con tanta voglia di condividere le proprie idee, sempre alla ricerca di nuove avventure e nuove persone con cui lavorare in team. Qui, il mio amore per il Motorsport prende vita attraverso gli articoli, permettendomi di seguire insieme a voi tutto quello che succede nel mondo della Formula 1.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.